Panama ferma Aquarius 2, le Ong accusano l'Italia. Il Viminale: "Nessuna pressione"

Nel messaggio ricevuto dall'Autorità marittima di Panama - riferiscono le Ong - si legge che "sfortunatamente è necessario che l'Aquarius sia esclusa dal nostro registro perché la sua permanenza implicherebbe un problema politico per il governo e per la flotta panamense in direzione dei porti europei".

Secondo le due organizzazioni, "questo provvedimento condanna centinaia di uomini, donne e bambini, alla disperata ricerca di sicurezza, ad annegare in mare e infligge un duro colpo alla missione umanitaria di Aquarius". Risponde così il ministro dell'Interno Matteo Salvini, a ' Non e' l'Arena' su La7, alla domanda sulla denuncia di due ong su eventuali pressioni fatte dal governo italiano su Panama per fermare la nave Aquarius.

Di fatto Salvini ha accusato l'Aquarius di colludere con il traffico di esseri umani, aprendo una breccia per l'applicazione dell'articolo 110 della Convenzione di Montego Bay che dà più ampi diritti alle autorità portuali e alle forze dell'ordine di un Paese se sospettano che una nave partecipi alla tratta di esseri umani, questo a prescindere dalla bandiera che batte o meno.

Genoa, il capocannoniere Piatek: "Penso solamente alla Lazio"
Ha un contratto con i rossoblu' fino al 2022 ma le voci di mercato già si susseguono come i paragoni eccellenti. Ognuno è se stesso e porta le proprie tipicità.


Aquarius 2 recupera 50 persone, altre 100 in arrivo - Aquarius 2 ha recuperato 50 persone al largo della Libia, più precisamente al largo della città di Zuara.

Secondo le autorità panamensi Aquarius 2 non rispetta le procedure internazionali. Da qui l'appello all'Europa "di permettere all'Aquarius di poter continuare ad operare nel Mediterraneo centrale facendo sapere alle autorità panamensi che le minacce del governo italiano sono infondate o garantendo immediatamente una nuova bandiera per poter continuare a navigare". "Questa tragedia deve finire, ma ciò può accadere solo se i governi dell'Ue permetteranno all'Aquarius e alle altre navi di ricerca e soccorso di continuare a fornire assistenza". "L'autorità marittima di Panama - riporta ancora la Prensa - ha riferito che la denuncia principale proviene dalle autorità italiane, che hanno riferito che il capitano della nave si è rifiutato di restituire gli immigranti ei rifugiati assistiti al loro luogo di origine". "Nelle ultime ore i trafficanti hanno ripreso a lavorare - ha aggiunto - riempiendo barchini e approfittando della collaborazione di qualche Ong". Nelle ultime 72 ore, dicono, la nave ha aiutato due natanti in difficoltà e ora ha 58 persone a bordo. "Tra queste Aquarius" che "ha intralciato il lavoro della guardia costiera libica, ignorando le indicazioni" e "dopo aver subìto la stessa decisione da Gibilterra, sta per essere cancellata dai registri navali di Panama". "Questo messaggio - spiegano - è arrivato nonostante l'Aquarius abbia completato con successo tutte le procedure di registrazione, essendo conforme agli standard elevati previsti dai regolamenti marittimi di Panama". "Pensare che, dopo il caso Diciotti le partenze dalla Libia si erano azzerate!"

Domani è atteso in Consiglio dei ministri il decreto sicurezza-immigrazione, risultato dalla fusione dei due testi originari per i quali si è speso Matteo Salvini. "Significa giudicare la loro come una condizione di delinquenza".

Latest News