Acqua minerale ritirata: quali lotti sono tossici, come comportarsi

Acqua in bottiglia Fonte Itala contaminata da tricloroetilene: tutti i lotti ritirati

Ritirati dal mercato alcuni lotti di acqua minerale: contiene trielina o tricloroetilene in quantità pericolose

Alcuni lotti dell'acqua minerale con marchio Fonte Italia sono stati ritirati dal mercato dal Ministero della Salute.

Il Ministero della Salute ha pubblicato sul proprio sito istituzionale un richiamo su una nota marca di acqua minerale per la presenza di un solvente di natura tossica. Il ritiro è scattato a causa della presenza di tricloroetilene in concentrazioni che superano i limiti stabiliti dalle norme. L'acqua in questione è imbottigliata da Fonte Italia Srl nello stabilimento potentino in contrada Francesca ad Altella. L'acqua dei lotti richiamati, come riportato da ilfattoalimentare.it, viene venduta in bottiglie Pet da 1,5 litri. La raccomandazione rilasciata dal Ministero è quella di controllare se si sono acquistate bottiglie di acqua con questi numeri di lotto e di non consumarla assolutamente.

Riforma pensioni: quota 100 con ipotesi Lega su possibili tagli degli assegni
Al momento sembra che l'asticella dei contributi per andare in pensione con quota 100 sia fissata a 37 anni ma la Lega vuole portarla a 36.


Le autorità hanno segnalato che chi avesse acquistato delle bottiglie che appartengono a questi lotti dovrebbe riportarli ai punti vendita. La sua struttura è assimilabile a quella di una molecola di etene i cui quattro atomi di idrogeno sono stati sostituiti da altrettanti atomi di cloro. Inoltre, questa sostanza è stata collegata - come riportato da Diario del Web - alla malattia di Parkinson da una ricerca internazionale condotta da ricercatori statunitensi, canadesi, argentini e tedeschi e pubblicata sulla rivista Annals of neurology. "Dal punto di vista tossicologico ad alte concentrazioni il tetracloroetilene causa depressione del sistema nervoso centrale, mentre concentrazioni più basse danneggiano il fegato ed i reni". Sul sito del Ministero della Salute c'è un approfondimento sugli effetti sulla salute. Senza contare che dallo IARC è ritenuta una sostanza cancerogena.

Latest News