Sciopero dei voli o cancellazioni: 10 cose da sapere

Sciopero dei voli o cancellazioni: 10 cose da sapere

Sciopero dei voli o cancellazioni: 10 cose da sapere

"Ryanair si scusa con i 30.000 (su 450.000) clienti che rischiano di subire ingiustificati disagi venerdì 28 settembre", prosegue la compagnia. La protesta, infatti, si sta allargando: il sindacato tedesco dei piloti Cockpiy ha annunciato l'adesione allo sciopero. Dall'Olanda al Portogallo, passando per Spagna e Belgio, fino ad arrivare ovviamente all'Italia, dove lo sciopero è stato proclamato con il sostegno di Cgil e Uil: al momento si parla di ben 190 voli cancellati, ma il numero è inevitabilmente destinato a salire nelle prossime ore. Alla protesta si uniranno anche i piloti italiani, tedeschi e del Belgio. Nel trasporto aereo l'Autorità di garanzia per gli scioperi impone non si possa scioperare dal 27 luglio al 5 settembre (considerate però che fuori dai confini nazionali non si applica il periodo di franchigia imposto in Italia e un eventuale sciopero in altri Paesi all'interno di queste date potrebbe comunque ripercuotersi sull'operatività delle compagnie aeree anche in Italia). Ryanair si è scusata per quelle che ha definito duramente "inutili interruzioni del servizio, indette da sindacati spinti dai dipendenti delle compagnie aeree concorrenti". "Abbiamo riconosciuto le organizzazioni sindacali, accettato di passare ai contratti locali e rispettare la legislazione locale" poi "accettiamo di negoziare e c'è lo stesso sciopero", ha detto, "questi scioperi a ripetizione nuocciono alla compagnia e ai clienti", ha detto. Ryanair deve applicare ai suoi lavoratori la legge del Paese in cui operano e non quella di bandiera, ossia la normativa irlandese. "Rispetto per i lavoratori e i passeggeri", ha ribattuto il rappresentate della Cne Didier Lebbe, aggiungendo che se ci sono solo così pochi voli annullati in Belgio è perché Ryanair "fa ricorso a equipaggi stranieri".

Calcio: Uefa ha deciso, Var in Champions dal 2019/2020
Il tempo non è mai abbastanza, dato che il Video Assistant Refree non viene utilizzato in tutti i campionati. E dal 2020/2021 anche in Europa League e Nations League .


"Siamo quindi delusi dal fatto che questi sindacati guidati dai piloti di Eurowings in Germania, dai piloti KLM in Olanda e dai piloti di Aer Lingus in Irlanda continuino ad interferire, a promuovere scioperi, a creare disagi ai nostri clienti e a danneggiare le nostre attività a beneficio delle compagnie aeree tradizionali a cui appartengono".

Latest News