Addio al vecchio scontrino cartaceo, arriva quello elettronico

Addio ai vecchi scontrini, croce e delizia di cittadini e negozianti.

Fatture telematiche e lotteria degli scontrini, per premiare la lotta all'evasione. Per ora solo alcuni articoli sono definiti, mentre altri sono solo abbozzati nel titolo: tra quest'ultimi anche la proroga del prestito Alitalia, il fondo per ristoro dei risparmiatori e l'estensione dei gruppi Iva ai gruppi bancari.

L'introduzione sarà graduale: riguarderà dal prossimo luglio i contribuenti con un volume d'affari superiore ai 400mila euro l'anno e poi, dall'inizio del 2020, tutti gli altri esercenti, anche i più piccoli. Il Governo è al lavoro per definire le ultime questioni sulla Manovra con lo scontrino cartaceo che a breve dovrebbe salutare definitivamente per dare spazio a quello elettronico.

Inter, senza Brozovic Spalletti punta su Borja Valero
Abbiamo perso qualche pallone di troppo durante il loro forcing e in questo dobbiamo migliorare". Giocare a due punte? La sua Inter ha strappato tre punti preziosi sul campo della Spal .


Soo tante le misure contenute nella bozza di decreto fiscale allegato alla manovra economica: dalla rottamazione ter delle cartelle esattoriali alla 'pace fiscale' per le liti tributarie, dalle norme per la fatturazione elettronica, alla sterilizzazione dell'aumento di alcune accise e l'arrivo di una lotteria degli scontrini dal 2020. Inizia a prendere forma il decreto fiscale collegato alla manovra.

LOTTERIA DEGLI SCONTRINI - Lo scontrino telematico non è però l'unica novità. Sono previste norme ad hoc per i farmacisti (che già inviano i dati con la tessera sanitaria per aiutare la dichiarazione precompilata) e un ausilio da parte dell'Agenzia delle Entrate per favorire il passaggio con procedure web gratuite anche su tablet o smartphone. Nel testo della bozza c'è anche uno sconto fiscale del 50% del prezzo di acquisto o adattamento dei registratori di cassa telematici necessari per la e-fattura e per la nuova lotteria: il "bonus" sarà applicato direttamente dal venditore. Il governo lavora ad una doppia sanatoria.

Arriva poi la rottamazione Ter delle cartelle e consente il pagamento del debito fiscale pendente dal gennaio 2000, senza sanzioni e more, dilazionato fino al 2024. La novità, contenuta nella bozza, prevede che per i ruoli notificati fino al 30 settembre 2019 si possa pagare un importo pari al valore della controversia o, se l'Agenzia delle Entrate ha perso in primo o in secondo grado, un importo pari alla metà o ad un terzo della contestazione. Le due novità scatteranno nel 2019.

Latest News