Toyota, rischio blocco guida: ritirate 2,4 milioni auto ibride

Toyota richiama oltre 2 milioni di auto

Immagine di repertorio

Secondo richiamo nel giro di un mese per Toyota. Anche in questa evenienza, il sistema frenante resta attivo e funzionante ma uno stallo improvviso ad alta velocità aumenta di molto il potenziale rischio di collisione con altri veicoli. "In Giappone, non è facile testare auto autonome su strade pubbliche - ha detto Junichi Miyakawa, il manager di SoftBank che guiderà la nuova società che sarà controllata al 50,25% da SoftBank e al 49,75% da Toyota - ma vogliamo contribuire a creare le condizioni perché questi veicoli diventino realtà, introducendo servizi di mobilità su richiesta". Il problema non è affatto da sottovalutare, in quanto si parla di un malfunzionamento del powertrain, un meccanismo che potrebbe senza alcun preavviso smettere di funzionare e portare all'arresto dell'auto. L'annuncio dei giapponesi arriva appena un mese dopo un altro richiamo di oltre un milione di auto con la stessa tecnologia a doppia alimentazione benzina-elettricità.

Formula 1, GP Giappone. Arrivabene: "La Ferrari ha reagito, meritavamo il podio"
Invece di concentrarsi sul computer basterebbe guardar anche cosa fanno gli altri e questo si impara solo con l'esperienza. Sono arrabbiato, ci siamo parlati con i tecnici.


Le auto in questione erano già state richiamate in passato, senza però risolvere il problema presentatosi adesso, che verrà rimediato tramite l'aggiornamento gratuito del software del veicolo, ha reso noto Toyota. In Europa, il richiamo riguarderà 290.000 veicoli. I modelli coinvolti sono Prius e Auris prodotte tra ottobre 2008 e novembre 2014. Si tratta per lo più di una misura volontaria dal carattere preventivo.

Latest News