Clima, allarme dell'Onu: "Servono misure senza precedenti"

AP
					Tra gli effetti dell’'aumento del riscaldamento globale sull’ambiente c’è il ridimensionamento dei ghiacciai

AP Tra gli effetti dell’'aumento del riscaldamento globale sull’ambiente c’è il ridimensionamento dei ghiacciai

"Il cambiamento climatico corre molto più in fretta di noi". Il Centro Euro-Mediterraneo segnala che gli esperti del Gruppo intergovernativo nel nuovo dossier chiariscono che "fornendo chiari benefici per le persone e per gli ecosistemi naturali limitare il riscaldamento globale a 1,5°C rispetto a 2°C, potrebbe andare di pari passo con il raggiungimento di una società più sostenibile ed equa".

La probabilità di un Oceano Artico senza ghiaccio marino in estate si verificherebbe una volta ogni secolo con un riscaldamento globale di 1,5° C. Invece, con un aumento delle temperature di 2°C avrebbe luogo ogni decennio. Il Co-Presidente del Working Group I dell'IPCC, il climatologo cinese Panmao Zhai, ha commentato in questo modo il rilascio del rapporto: "Uno dei messaggi chiave che emerge con molta forza da questo rapporto è che stiamo già vedendo le conseguenze di un riscaldamento globale di 1°C quali, tra l'altro, l'aumento di eventi meteo estremi, innalzamento del livello del mare, diminuzione del ghiaccio marino in Artico". Ad esempio, entro il 2100, l'innalzamento globale del livello del mare sarebbe inferiore di 10 cm con il riscaldamento globale di 1,5 ° C rispetto ai 2° C.

Il primo percorso indicato dall'ONU è il più "verde": prevede di puntare sul risparmio energetico e la riforestazione.

Il secondo invece mira ad aumentare la sostenibilità in tutti i settori produttivi, con un limitato uso dello stoccaggio di carbonio, ancora oggi non sostenibile dal punto di vista economico. I prossimi anni sono probabilmente i più importanti della nostra storia. Già con un aumento simile gli scienziati hanno calcolato che i coralli delle barriere potrebbero diminuire tra il 70 e il 90% ma se il riscaldamento globale dovesse raggiungere i 2°C il 99% di esse potrebbe scomparire per sempre.

Volley, oggi l'esordio stagionale dell'Itas Trentino in Supercoppa a Perugia
La formazione di Velasco però ha saputo ritrovare la concentrazione e riprendere in mano le redini del match fino alla vittoria. Siamo proprio certi che questa diversità ci sia? Ricordiamo che la finalissima è in programma domani a partire dalle ore 18.00.


Secondo Jim Skea, co-presidente del gruppo di lavoro IPCC III, limitare il riscaldamento a 1,5 ° C è possibile secondo le leggi della chimica e della fisica, ma farlo richiede cambiamenti senza precedenti. "Siamo in ritardo, non c'è tempo da perdere".

Cosa cambierebbe, in termini concreti, se si superasse il grado e mezzo Celsius, magari arrivando anche alla soglia dei due gradi teorizzata dall'economista di Yale, William Nordhaus, appena insignito del Premio Nobel? Ma sono necessarie transizioni "rapide e di ampia portata" nei settori energia, industria, edifici, trasporti e città.

Questo importante documento non riguarda solo il clima, ma anche lo sviluppo sostenibile e la lotta alla povertà, infatti il nome completo è "rapporto speciale sugli impatti del riscaldamento di 1.5 °C rispetto ai livelli preindustriali e sui percorsi delle emissioni di gas serra, nel contesto del rafforzamento della risposta globale alla minaccia del cambiamento climatico, sostenibile sviluppo e sforzi per sradicare la povertà". Emissioni nette zero significa che eventuali emissioni residue dovranno essere compensate rimuovendo CO2 dal aria. Ma cosa contiene il report dell'IPCC?

Latest News