Collisione tra navi in Corsica, Francia: "Onda nera sotto controllo"

Incidente fra navi a largo di Genova molto combustibile in mare

Collisione tra due navi al largo della Corsica, allarme inquinamento

Fra le imbarcazioni partite dai porti italiani, da Livorno ha salpato una delle tre unità anti-inquinamento, con caratteristiche specifiche, del consorzio Castalia, e fra le tre motovedette d'altura della guardia costiera, è stata inviata nella zona delle operazioni la Nave Ingianni CP 409 che fa base nel porto toscano. L'Italia ha inviato tre navi a nord della Corsica, tre unità d'altura: la Nos Taurus da Livorno, la Bonassola da Genova e la Koral da Olbia.

Anche l'Italia ha fatto la sua parte, con la Guardia costiera e il Ministero dell'Ambiente in prima linea.

Domenica 7 ottobre due navi si sono scontrate sulla rotta tra Genova e Bastia. "Siamo informati della collisione e insieme all'Agenzia europea per la sicurezza marittima stiamo monitorando gli sviluppi, in particolare per quanto riguarda la pulizia della marea nera", ha affermato un portavoce dell'esecutivo comunitario, e "siamo in contatto con le autorità italiane". Continua inoltre il monitoraggio della zona da parte dei mezzi aerei e navali della Guardia Costiera e sono stati acquisiti anche una serie di elementi di carattere tecnico sulle due unità coinvolte nell'incidente.

Formula 1, la resa di Vettel e della Ferrari
Se vincere è diventata utopia, la Ferrari aveva almeno il dovere di perdere questo mondiale in maniera più dignitosa. Hamilton è pronto a festeggiare il suo quinto titolo iridato in uno dei suoi palcoscenici preferiti.


L'incidente, secondo la Ong, rende improcrastinabile introdurre "norme precise sulla protezione e sulla tutela del Santuario".

Il momento più delicato sarà quando si dovranno separare le due navi, osserva Greenpeace in una nota, "a quel punto si potrebbero verificare importanti sversamenti di idrocarburi che sarà necessario arginare". L'Istituto spiega che "considerando che si tratta di un olio combustibile pesante, e conoscendo il comportamento in mare di questa categoria di miscela oleosa, fintanto che le condizioni meteo-marine rimangono tranquille (mare calmo e vento assente), il prodotto continuerà a galleggiare lungo una linea, secondo la direzione della corrente" che al momento procede in direzione nord-ovest.

Latest News