Juventus, Allegri: "Alla sosta con il pieno, ma ora ricarichiamoci"

Allegri Le indagini su Ronaldo? È sereno

Cristiano Ronaldo

Dal palco del Premio Manlio Scopigno, Fabio Paratici - direttore sportivo della Juventus - ha parlato del suo nuovo "cambio" di ruolo, almeno da un punto di vista mediatico. Per affermarsi gli mancava però l'ultimo tocco, un assist o una rete: il ragazzo ha ascoltato i suggerimenti di Allegri, che lo ha spronato a stare più vicino all'area, e il gol è arrivato. Non mi sorprenderei dovesse andare all'Inter. Ronaldo? Abbiamo già preso posizione. È un giocatore di grande valore, che ha sempre espresso nella propria vita grandi valori, è molto impegnato nel sociale, è un professionista ineccepibile, una persona ineccepibile, di questo ne sono testimonianza le dichiarazioni di tutti i compagni. "Non c'è mai stata trattativa".

Infine sull'obiettivo Champions: "Non so se siamo favoriti. Se essere felice è essere dirigente di un grande club italiano, va bene così".

Nobel 2018 per la Pace a Denis Mukwege e Nadia Murad
La tradizione Yazidi proibisce il matrimonio al di fuori della comunità e introduce altre restrizioni a seconda della casta. Nadia Murad ha ricevuto numerose minacce per via del suo impegno alla causa.


In primis il dirigente piemontese è stato interpellato sull'addio di Marotta: "Negli ultimi 10 anni insieme a Galliani Beppe è stato il più bravo dirigente". In questi anni abbiamo lavorato tanto e fatto due finali. Stesso discorso per il serbo: "Un bravissimo calciatore, ma non abbiamo parlato né con lui né con la Lazio". Paratici è poi tornato sull'operazione che lo ha portato in bianconero: "Abbiamo avuto subito la sensazione che volesse solo la Juventus - ha aggiunto - e questo è stato un grande vantaggio". "Cercheremo di fare meglio - ha concluso -".

Latest News