Giornalista uccisa in Bulgaria rilasciato il romeno. L'ipotesi della gelosia

Giornalista uccisa in Bulgaria rilasciato il romeno. L'ipotesi della gelosia

Giornalista uccisa in Bulgaria rilasciato il romeno. L'ipotesi della gelosia

Nella sua ultima trasmissione il mese scorso, la giornalista bulgara Viktoria Marinova, uccisa sabato nella città di Russe, nel nord della Bulgaria, aveva intervistato due giornalisti, il bulgaro Dimitar Stoyanov del sito internet "Bivol" e il romeno Attila Biro della Rise Project Romania, che svolgevano indagini giornalistiche per corruzione e abusi sui fondi Ue da parte della "Gp Group".

Parenti e colleghi della giornalista uccisa hanno lanciato un appello ad avere pazienza, dicendosi convinti che la polizia sia vicina alla scoperta dell'assassino.

Salvini e Le Pen: "Nemici dell'Ue sono Juncker e Moscovici"
Infine Matteo Salvini non risparmia una battuta a chi gli chiedeva di commentare l'incontro tra Macron e Saviano: " Chi si somiglia si piglia ".


Choc a Ruse, in Bulgaria, dove una giornalista di nome Victoria Marinova è stata violentata, picchiata, e poi brutalmente assassinata. La notizia dell'assassinio della giornalista trentenne, avvenuto ieri, è stata diffusa oggi dai media bulgari provocando reazioni di sdegno e condanna da parte delle autorità a Sofia e nelle istituzioni europee. "Il suo cellulare, le chiavi della macchina, gli occhiali e parte dei vestiti sono scomparsi", ha aggiunto il procuratore regionale Georgy Georgiev, spiegando che gli inquirenti vagliano tutte le piste, tanto quelle legate alla sua vita personale, quanto quelle legate alla vita professionale, ma fonti di polizia riferiscono ad AFP che l'omicidio non sembra essere direttamente legato all'attività giornalistica della vittima. Per il momento le indagini si stanno concentrando sul gesto di un maniaco sessuale oppure di un ospite del vicino centro psichiatrico. La Marinova, assieme ad altri giornalisti, ha reso pubblica l'inchiesta che accusa il gruppo di aver usato illecitamente fondi comunitari e del governo. Il rappresentante dell'Organizzazione per la cooperazione e la sicurezza in Europa (Osce), Harlem Desir, responsabile per la libertà dei media, ha scritto su Twitter di "essere rimasto scioccato per l'orrenda uccisione", sottolineando di essere "in attesa di un indagine scrupolosa e dettagliata" del crimine. Marinova è il terzo caso di giornalista ucciso nell'Unione europea in 12 mesi. Desir ha chiesto di accertare il più presto possibile se l'omicidio della Marinova sia da collegare al suo lavoro come giornalista. Stava indagando su uno scandalo legato all'affidamento di fondi europei.

Latest News