Benzina, da oggi ai distributori le nuove etichette Ue

Carburanti dal 12 ottobre scatta obbligo UE nuove etichette. Riguarderà i distributori ma anche i nuovi veicoli

Carburanti dal 12 ottobre scatta obbligo UE nuove etichette. Riguarderà i distributori ma anche i nuovi veicoli

Probabilmente rimarranno nel vocabolario degli automobilisti ma da oggi sono fuori dai distributori di carburante. Da oggi, per identificare i carburanti, al distributore ci saranno etichette e sigle.

Tutte le auto prodotte e immatricolate successivamente al 12 ottobre 2018 dovranno riportare le medesime diciture sul tappo di rifornimento. Entra infatti in vigore, nell'Unione Europea, l'obbligo di apporre sulle auto appena immesse sul mercato e su tutte le pompe delle stazioni di rifornimento e di ricarica le etichette carburante conformi allo standard definito nella norma EN 16942. "Accanto ai tradizionali 'super', 'diesel', gpl o altri, sono previste nuove etichette".

In ogni stazione di servizio, sia sul distributore che sulla pompa per l'erogazione, ci saranno le dovute indicazioni. "Il cambiamento nasce anche dall'esigenza di rendere uniformi le etichette in Europa, evitando confusione nei rifornimenti tra un Paese e l'altro".

Salvini-Tria, nessun caos flat tax: "Taglio medio di 1,7 miliardi anno"
La riduzione fiscale ha un ammontare stimabile di circa 1 miliardo e 700 milioni di euro. Non prendo in considerazione nessuna ipotesi e nessun numero.


Le etichette saranno apposte su una serie di veicoli che elenchiamo di seguito: ciclomotori, motocicli, tricicli e quadricicli; autovetture; veicoli commerciali leggeri (furgoni); veicoli commerciali pesanti (camion); autobus.

La sagoma delle etichette per la benzina è a forma circolare mentre la sagoma delle etichette per il gasolio di forma quadrata. Tale etichettatura, a partire da oggi, vige in tutti i 28 Stati membri dell'UE, nei Paesi dello Spazio Economico Europeo (Islanda, Lichtenstein, Norvegia), ma anche in Serbia, Macedonia, Svizzera e Turchia. In particolare per la benzina la lettera E sarà affiancata da un numero che indicherà la percentuale di etanolo contenuta (E5, E10 o E85 quindi 5, 10 o 85% di combustibile 'verde'): l'Up ricorda peraltro, in proposito, che in Italia non viene distribuita benzina addizionata con etanolo, quindi l'unica sigla che si vedrà è la "E".

Anche per i veicoli ibridi si è pensato ad una soluzione molto simile, in modo che l'utente una volta arrivato nel punto di ricarica potrà scegliere in maniera più semplice la corretta modalità di alimentazione e ricarica della macchina.

Latest News