Facoltà di Medicina, cancellati i test d'ingresso: stop al numero chiuso

Medicina numero chiuso eliminato la misura nella manovra

Medicina, numero chiuso eliminato: la misura nella manovra

Più tardi in una nota Bussetti, assieme al ministro della Salute, Giulia Grillo, chiarisce che è stato "chiesto, in sede di Consiglio dei ministri, di aumentare sia gli accessi sia i contratti delle borse di studio per Medicina".

un auspicio condiviso da tutte le forze di maggioranza -continua la nota- che il Governo intende onorare".

"Ci sono due sistemi diversi: una selezione all'inizio, come si fa attualmente in Italia, o un sistema alla francese dove si iscrivono tutti al primo anno e poi la selezione si fa al secondo anno".

L'abolizione del numero chiuso in Medicina "è un dispetto agli studenti e ai cittadini" afferma Andrea Lenzi, ex presidente del Consiglio Universitario Nazionale e attuale presidente del Comitato nazionale dei Garanti per la Ricerca del Miur e del Comitato di Biosicurezza e Biotecnologie della Presidenza del Consiglio. "Il governo continua a parlare per slogan vuoti e a fare campagna elettorale", ha dichiarato il coordinatore Udu Enrico Gulluni. La misura è inserita nel comunicato stampa che il governo ha diffuso al termine del Cdm di questa notte ma c'è un giallo.

Anche perché "i giovani laureati in medicina che non entreranno nelle scuole di specializzazione si troveranno in una sorta di imbuto: non potranno accedere ai concorsi pubblici e dovranno per forza di cose cercare lavoro all'estero".

Elezioni Baviera, la Csu scarica Seehofer: "Si dimetta". Grana per la Merkel
La segretaria di Possibile, Beatrice Brignone, punta sul binomio "donna e verde ". Il nuovo Landtag ha 192 seggi e la maggioranza per governare è di 97.


Il Test Medicina 2018 non verrà abolito da quest'anno ma la strada porterà alla cancellazione del tes d'ingresso: scopri cosa è successo nelle ultime ore e cosa comporta l'abolizione graduale. Ma non si dice in quale modo, non si fa un minimo accenno alla copertura economica e agli investimenti che si devono fare per attuare una simile manovra da subito. "Oggi i posti per le scuole di specializzazione sono limitati a circa 7 mila, cosa accadrebbe se dalle facoltà uscissero 50 mila laureati in Medicina, come si potrebbero specializzare?" "Se non si aumentano le borse di specializzazione assisteremo ad una nuova fuga di cervelli all'estero".

In base alla ricostruzione che ne può derivare, l'esecutivo sì punterebbe a un incremento del numero di posti disponibili ma allo stesso, si richiedono più borse per le specializzazioni.

"Un arretramento gravissimo e un passo indietro di 30 anni con il rischio di perdere il valore europeo della laurea in Medicina perché sarà impossibile certificare la frequenza con un numero di iscritti 5 volte superiore a quello che le università possono formare bene", aveva commentato poi Eugenio Gaudio, rettore dell'Università Sapienza di Roma.

Oltre a questa novità importante, sono anche altre le misure varate ieri sera dal Governo in materia sanitaria. Per quanto riguarda il settore 'Salute', nella Semplificazione sono previste le transazioni con le aziende farmaceutiche per il ripiano della spesa farmaceutica, ovvero il famoso 'payback'; l'stituzione della Anagrafe nazionale vaccini, con l'obiettivo di monitorare i programmi vaccinali sul territorio; l'stituzione del fondo per la riduzione delle liste d'attesa.

Latest News