Scamorza Coop e Parmareggio, allerta Escherichia coli: ritirate dai supermercati

Il tonno in scatola Mareblu

Il tonno in scatola Mareblu

La scamorza banca a fette è stata prodotta da Parmareggio nello stabilimento di Montecavolo di Quattro Castella, in provincia di Reggio Emilia (marchio di identificazione CE IT 08 76). Per quanto riguarda la scamorza bianca a fette Coop, sono i lotti 25L18341 (08/11/2018) e 25L18345 (12/11/2018). Il ritiro delle due note marche messo a punto dall'allerta del Ministero della Salute si riferisce ai prodotti già a fette, venduti in confezioni singole da 400 grammi che riportano il marchio Coop e Parmareggio. L'avviso precisa che la presenza del batterio - produttore della Shiga-tossina (STEC) - è stata accertata dalle analisi dell'Istituto zooprofilattico sperimentale del Mezzogiorno con il rapporto di numero 152853 del 15/10/201 per l'Als NA 2 Nord. Anche questo ritiro alimentare è stato pubblicato sul sito internet ufficiale del Ministero della Salute.

Ancora un allarme per la presenza del batterio Escherichia coli negli alimenti, il Ministero ritira i prodotti a rischio. Vive da commensale (ovvero senza causare danni e anzi collaborando alle funzioni fisiologiche) in molti organismi, compreso il corpo umano. I cittadini intanto si preparano a restituire i lotti al punto vendita per evitare eventuali problemi. Sono quelli che producono verocitotossina o Shiga-tossina (Vtec o Stec), che sono sostanze responsabili di patologie che possono essere molto gravi. In riferimento al formaggio Cuor di Fette Parmareggio sono invece stati segnalati il lotto numero 25L18345 con data di scadenza 12/11/2018 e il lotto numero 25L18345 con data di scadenza 17/11/2018.

Traffico boom in Internet. E Vodafone anticipa il 5G
Cloud: la rete si virtualizzae garantisce sempre maggiore scalabilità e velocità di aggiornamento e sviluppo di nuovi servizi. Vodafone lancia la nuova generazione di rete che apre la strada al 5G e supererà la soglia di 1 Gigabit al secondo.


Per ulteriori informazioni, è possibile contattare Coop al numero verde 800 805580. Si sospetta una contaminazione nella materia prima durante la fase di produzione.

Latest News