Merkel pronta ad abdicare dopo tracollo CDU in Assia, euro sbanda

La cancelliera tedesca Angela Merkel

La cancelliera tedesca Angela Merkel

Di "sconfitta amara" ha parlato invece il candidato di punta dei socialdemocratici, Thorsten Schaefer-Gumbel, che ha visto il partito scivolare al 19,6% (dal 30,7 del 2013), in un testa a testa con i verdi, che si confermano tendenzialmente in grado di diventare seconda forza politica tedesca.

Per la presidente dell'Spd, che guida il governo federale insieme a Cdu e Csu, le elezioni nel Land dell'Assia "non sono comunque decisive per il mio destino e nemmeno in assoluto".

Indicazioni che contribuiscono alla debolezza dell'euro sul mercato valutario.

Volley in lutto: morta Sara Anzanello
Oltre che essere stata un'atleta di primissimo livello, era una persona eccezionale . Ma la situazione è crollata nell'ultimo periodo ed è deceduta quest'oggi.


Il crollo nella regione di Francoforte - In Assia, dove l'affluenza è stata del 67%, la Cdu - stando ai risultati ufficiali diffusi - crolla dal 38,3 del 2013 (allora le elezioni si erano svolte in contemporanea a quelle federali) al 27% dei consensi - il peggior risultato conseguito dal partito della cancelliera Angela Merkel in Assia da oltre 50 anni a questa parte - pur restando il partito più forte. Eppure i primi dati non configurano un terremoto politico e i cristiano-democratici si sforzano subito di contenere i temuti contraccolpi sul governo a Berlino. I Verdi balzano dall'11,1% al 19,7%, mentre l'AfD si attesta al 13,2 per cento dei voti, triplicando la quota di voti del 2013. Secondo i suoi piani originali, la cancelliera voleva partecipare nuovamente al congresso del partito ad Amburgo a dicembre, ma ora trae le conseguenze dalla tendenza al ribasso dei consensi elettorali. Ma nonostante fino ad oggi Merkel avesse sempre affermato che cancelleria e presidenza del partito dovessero essere nella stessa mano, ha espresso la volontà di rimanere alla guida dell'esecutivo.

Possibili contendenti per la presidenza del partito, stando a quanto riporta sempre Spiegel, sarebbero il segretario generale della CDU, Annegret Kramp-Karrenbauer, il ministro della Sanità Jens Spahn e il primo ministro del Nord Reno-Westfalia, Armin Laschet.

Latest News