Torino, odg M5s per dire "no Tav": scontro Appendino-Chiamparino

Gallina

Dario Gallina Condividi

Il consiglio comunale di Torino si prepara a sposare la linea No Tav. Al momento del voto non erano presenti in aula le opposizioni di centrosinistra espulsi dal presidente del Consiglio, Fabio Versaci, per aver esposto cartelli a favore dell'opera.

Una partita che interessa anche il governo.

Di Maio: "Noi contro, é in Contratto" - "Da sempre noi siamo contrari alla Tav, e soprattutto è nel contratto di governo". "L'atto - ha sottolineato - dice solo che abbiamo bisogno di dati e di sapere se c'è una sostenibilità economica dell'opera". "Un'opera che non può essere sacrificata sull'altare di un compromesso per ragioni di carattere politico". "Non credo che il Governo nazionale abbia tempo per queste sceneggiate ma debba andare avanti per cambiare il Paese".

Ticinonline - Aereo con 188 persone caduto in mare
Il Boeing 737-800 era decollato alle 6:20 circa ora locale (00:20 in Italia). A bordo c'erano 188 persone (181 passeggeri e sette membri dell'equipaggio).


Nel documento, i Cinque Stelle invitano, poi, sindaca è giunta a valutare in alternativa alla Tav "la promozione dell'utilizzo dell'intesa linea esistente tra Torino e Modane", a "sospendere qualsiasi spesa prevista dalla delibera Cipe del 7 agosto 2017′ e a "destinare i fondi attualmente previsti dal governo per la Torino-Lione, sia per la parte internazionale, sia per quella italiana, per la mobilità collettiva e sostenibile nel territorio della Città metropolitana di Torino e della Regione Piemonte".

Chiamparino: "Il no di Torino alla Tav è una bestemmia" - "Che la Città di Torino, uno deidue poli della connessione con Lione, dica no al collegamento con la Francia mi sembra una bestemmia. Negare la Tav in modo ufficiale è gravissimo; significa che la stessa Amministrazione Civica sceglie consapevolmente di mortificare il futuro di Torino e dell'Italia che produce, esporta, ed è leader nel mondo con i prodotti del Made in Italy". Dopo è stata decisa la loro espulsione, compresa quella di Piero Fassino. "E' la prima volta - ha commentato - che vengo espulso, capita anche questo". "Abbiamo dato un grande segno compattezza imprese e sindacati insieme", afferma il presidente dell'Unione Industriale Dario Gallina.

Latest News