Monito Allegri: Juve, non sbagliare "Napoli e Inter ci sono dietro"

Allegri:

Juventus-Cagliari, tutto quello che c'è da sapere

Le gare vanno conquistate sul campo, non possiamo permetterci di lasciare punti per strada.

L'allenatore della Juventus, Massimiliano Allegri, ha analizzato in conferenza stampa il momento della sua squadra e la sfida interna di domani con il Cagliari. I nerazzurri hanno lasciato 5 punti in casa con Torino e Parma, mentre i partenopei hanno perso qui a Torino: questa è la differenza, altrimenti sarebbero pari a noi in classifica. Stiamo lavorando quest'anno come negli anni precedenti per raggiungere l'obiettivo che in questi anni non siamo riusciti a raggiungere, perché ci vuole anche un pizzico di fortuna. Le ultime prestazioni sono dovute a questo. "Da lontano è più facile che tiri Ronaldo, da più vicino Dybala e Pjanic sono molto più pericolosi". Pjanic e Matuidi giocano. In difesa rientra Cancelo, ci sarà Bonucci e De Sciglio potrebbe giocare al posto di Alex Sandro. Davanti Ronaldo gioca e devo capire oggi bene chi far giocare con lui. "Sta bene, sta crescendo e giocherà un paio di partite con loro". Il mediano, vediamo se giochiamo a tre o a due, accanto a Ronaldo chi mettere, se Dybala, Mandzukic o Douglas Costa che sta tornando in buona condizione, era andato via un po' ora è tornato.

Martedì tornerà in Champions Buffon, che dice di guardare sempre le partite della Juve. Lei guarda quelle del PSG ed è secondo lei tra le quattro favorite?

Rivelazione shock di Der Spiegel: "Infantino ha coperto City e PSG"
Il progetto Superlega non era una minaccia solo per la Champions e l'Europa League, ma anche per i campionati nazionali.


Per essere perfetti, cosa manca ancora? "Il Psg lo guardo, sarà uno dei protagonisti in Champions". E come si mantiene alta la concentrazione?

"Innanzitutto cercare di non prendere gol". E poi prendiamo troppi gol: 7 finora in proiezione significa 28 a fine anno. Il campionato è diverso dalla Champions, serve più concentrazione e attenzione. "Non dobbiamo abbassare la velocità di passaggio soprattutto contro squadre che giocano in verticale come Empoli e Cagliari".

Pogba. "E' un giocatore del Manchester United e purtroppo mercoledì dobbiamo incontrarlo". Che, pensando al francese che in Inghilterra non sembra proprio felice, aggiunge: "È un grandissimo giocatore, che ha ancora molti margini di miglioramento". Se non venisse sarebbe meglio, ma dobbiamo affrontarlo come abbiamo fatto di là. Standing ovation dei tifosi per lui? "Bisogna farle ai nostri calciatori, non agli altri". Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link presenti nel testo, Repubblica.it riceve una commissione senza alcuna variazione del prezzo finale.

Latest News