Manovra, aumento di 10 centesimi per le sigarette

Manovra: verso un aumento del costo delle sigarette

Manovra, nuovo aumento delle sigarette: 10 cent in più a pacchetto

Nell'anno in corso il rincaro più pesante lo hanno avuto le marche legate al gruppo Phillip Morris, ma la Manovra riguarderà un aumento di tassazione generale che dunque costerà 10 centesimi in più praticamente per ogni fumatore, a prescindere dalle preferenze di ogni consumatore.

Nessun riferimento al taglio delle accise sul carburante mentre per il gioco d'azzardo si prevede un gettito quasi doppio, circa 240 milioni di euro, attraverso un aumento dello 0,5% del PREU, il prelievo erariale unico sugli apparecchi del gioco d'azzardo, "macchinette" e videolottery.

Ci sarà un aumento delle sigarette di circa 10 centesimi al pacchetto da 20 sigarette per tutte le fasce di prezzo: bassi, medi e alti. Dando un'occhiata alle cifre calcolate dai tecnici di Palazzo Chigi e del Mef, sono previsti per il 2019 rincari della tassazione per le sigarette di 108 milioni, altri 22,5 milioni per il tabacco trinciato, circa 1,8 milioni per i sigari, per un totale complessivo di 132,6 milioni. In primo luogo, un bonus consistente in uno sconto di 8 mila euro per le assunzioni dei laureati con 110 e lode under 30 e dottorandi under 34.

Sono inoltre previsti tagli da 435 milioni alla spesa dei ministeri e un calo della spesa in conto capitale, che finanzia gli investimenti, da 822 milioni, che salgono a circa 1,6 miliardi se si sommano 790 milioni di "riprogrammazioni". Secondo le tabelle complessivamente i fondi per la spesa corrente aumenteranno nel 2019 di 206 milioni (con 646 milioni di rifinanziamenti) e la spesa per investimenti di 342 milioni (con un rifinanziamento di 1,9 miliardi). Il differimento delle deduzioni sulla svalutazione dei crediti consentirà un recupero di 950 milioni.

Pakistan, avvocato Asia Bibi lascia paese dopo minacce di morte
Mulook ha difeso Asia Bibi nei dieci anni che ha passato in prigione con una condanna a morte sulle spalle e che mercoledì è stata assolta.


Interventi anche in favore dei giovani medici, in particolare dei specializzandi che potranno ambire a novecento nuovi contratti di formazione specialistica a partire dal 2019. Quasi 1,2 miliardi arriveranno invece dalla dilazione in 10 anni della deducibilità delle perdite attese in sede di prima applicazione dei nuovi principi contabili Ifrs 9. Nello specifico dall'anno 2019 il Fondo Povertà è ridotto di 2.198 milioni di euro, in 2.158 milioni di euro per l'anno 2020 e in 2.130 milioni di euro annui a decorrere dall'anno 2021.

Enti locali, rischio di un aumento delle tasse - Anche in questo caso si tratta di un rischio, perché non è detto che tutti i sindaci ne approfitteranno. Le imposte locali erano bloccate dal 2016 per volere dei governi Renzi e Gentiloni.

I rincari sui tabacchi e le sigarette non sono ovviamente le uniche novità inserite in una Manovra che già è stata bocciata dalla Commissione Europea e ora si appresta a subire inevitabili modifiche onde evitare altri futuri "disagi" per le misure in essa contenute. Cioè il 3,3% per l'addizionale Irpef regionale, lo 0,8% per quella comunale (con l'eccezione di Roma dove è già allo 0,9%) e il 10,6 per mille per Tasi e Imu su seconde case.

Latest News