Usa 2018, la Camera passa a democratici, Senato resta repubblicano

Usa 2018 la Camera passa a democratici Senato resta repubblicano

Come stanno andando le elezioni di metà mandato, in breve

Se il presidente Donald Trump ha twittato: "Eccezionale successo stanotte, grazie a tutti", anche l'italo-americana Nancy Pelosi, capogruppo democratica alla Camera, ha espresso la sua soddisfazione: "Grazie a voi domani sarà un nuovo giorno in America". Dopo il risultato di queste midterms, è probabile - come del resto accadde anche quando Barack Obama perse la maggioranza al Congresso dopo i suoi primi due anni di mandato - che anche Trump cominci a fare ricorso a questo strumento in maniera ancora più decisa di quanto non abbia fatto sinora per superare le resistenze dell'opposizione. Una sconfitta che appare però controbilanciata dai risultati nettamente positivi del partito del presidente al Senato, con vittorie in stati dove nelle ultime settimane Trump aveva fatto un'intensa campagna elettorale.

I commenti - La portavoce della Casa Bianca Sarah Sanders ha tamponato il risultato, commentato che la prevista "onda blu dei democratici" non è stata potente come in molti si aspettavano: "Forse c'è una increspatura ma certamente non penso che sia una onda blu". Ma ha proseguito affermando che "un congresso democratico lavorerà alle soluzioni che ci riuniscano, perchè ne abbiamo avuto abbastanza delle divisioni". Gillum era una delle star democratiche di queste elezioni. Lo stesso tycoon si è congratulato telefonicamente con Pelosi.

Prima volta anche di un governatore apertamente gay in Colorado: si tratta di Jared Polis. In lizza per il congresso e i seggi nei parlamenti statali nelle elezioni di midterm c'era un numero record di nativi americani. "È in gioco il carattere, il tessuto morale della nazione".

Manovra, anche Conte contro Moscovici: "Stop a valutazioni politiche"
Ancora tanti i nodi da sciogliere nel corso di un dibattito parlamentare che si preannuncia acceso. Così il ministro delle finanze austriaco Hartwig Loeger arrivando all'Eurogruppo .


Il democratico Andrew Cuomo vince le elezioni a New York e viene confermato governatore dello Stato. Con la sua vittoria, James è catapultata in prima linea nella battaglie legali contro le politiche del presidente Donald Trump. Ex sindaco di San Francisco, a lungo vice governatore della California, Newsom promette di inasprire la guerra a Donald Trump su tutti i fronti. L'ex candidato alla Casa Bianca è eletto così senatore. Entrambi i partiti dovranno infatti cominciare a ripensare se stessi e il rapporto con il proprio elettorato, cercando di riportare la politica americana sui binari da cui l'azione di disintermediazione tipica dei populismi (il rapporto "diretto" con il popolo), incluso quello di Trump, sembra averla allontanata. I seggi si sono chiusi alle 6 del pomeriggio, ovvero la mezzanotte svizzera.

Altro primato quello della democratica Rashida Tlaib, figlia di immigrati dalla Palestina, che diventa la prima donna musulmana ad essere eletta al Congresso americano, nel suo distretto per la Camera in Michigan. Mentre non ce l'hanno fatta a imporsi nelle sfide chiave per il Senato, in Texas e in Florida. Mentre nel Sunshine State Bill Nelson dopo un testa a testa si è dovuto arrendere all'ex governatore repubblicano Rick Scott.

Il democratico Tim Kaine, candidato vicepresidente con Hillary Clinton nel 2016, ha vinto il seggio al Senato in Virginia, secondo le proiezioni della Cnn.

Latest News