Trump "licenzia" il ministro della Giustizia Sessions

Usa, lascia il ministro di Giustizia Sessions

Usa: si dimette ministro giustizia - Ultima Ora

Il ministro della Giustizia Jeff Sessions si e' dimesso con effetto immediato su richiesta di Donald Trump.

Rod Rosenstein, il vice ministro, resta al suo posto. Lo ha detto in campagna elettorale: quei senatori che hanno cercato il suo aiuto in campagna elettorale hanno salvato il seggio, i dissidenti no.

MTV European Music Awards 2018: ieri sera grande festa a Bilbao
Grande protagonista dello show è stata anche Janet Jackson , che ha ricevuto un premio alla sua quarantennale carriera. Un appuntamento imperdibile per tutti gli appassionati di buona musica, al quale hanno partecipato tante celebrities.


L'addio del ministro solleva non pochi dubbi sul futuro del lavoro di Robert Mueller, il procuratore speciale nominato da Rosenstein per indagare sulla presunta interferenza della Russia nelle presidenziali del 2016 e sulla potenziale collusione della campagna Trump con Mosca. La nomina del futuro capo della Giustizia dovrà essere approvata al Senato, ancora controllato dal Gop.

"Caro presidente, su sua richiesta rassegno le mie dimissioni", si legge nella lettera consegnata dal ministro al capo dello staff della Casa Bianca, John Kelly. Il presidente non ha mai digerito quell'episodio, in privato e in pubblico ha continuato ad attaccare Sessions, trattandolo come un inutile codardo.

Latest News