Sparatoria in un locale di Los Angeles, almeno sei feriti

Spari in un bar di Thousand Oaks in California almeno 12 morti tra cui lo sparatore

Sparatoria in un locale di Los Angeles, almeno sei feriti

L'assalitore, che risulta tra le vittime, secondo alcuni testimoni ha sparato sulla folla in un bar in una località a circa 70 km da Los Angeles, lanciando fumogeni per confondere i presenti.

Tra le vittime c'è anche un vicesceriffo, prossimo alla pensione: avrebbe dovuto lasciare il lavoro l'anno prossimo. Ci sarebbero diversi morti nella sparatoria. Ad agire è stato David Ian Long, 29enne che era stato un marine fino al 2013 e che aveva avuto problemi mentali.

Quella di stanotte in California, secondo quanto riportato da USA Today, è la 307esima sparatoria di massa negli Stati Uniti quest'anno, in pratica una al giorno. L'agente, il sergente Ron Helus, tra i primi ad accorrere sul luogo della tragedia, è stato colpito da diversi spari appena entrato nell'edificio ed è morto poco dopo in ospedale. Ancora sconosciuto il movente. "Devo andare, ti amo, ti chiamo dopo" ha detto prima di intervenire nella sparatoria dove è rimasto ferito mortalmente. 16 ottobre 1991: il camionista George Hennard uccide 22 persone in una caffetteria a Killeen (Texas) e si suicida 20 aprile 1999 - Due studenti uccidono 13 persone e ne feriscono 23 a scuola a Columbine (Colorado) e si suicidano 16 aprile 2007 - Seung-Hui Cho, 23 anni, uccide 32 persone e si suicida nel campus universitario di Blacksburg, Virginia 3 aprile 2009 - 14 persone, incluso l'aggressore, muoiono in un centro per rifugiati Binghamton (New York) per mano di un uomo indentificato come Jiverly Voong.

Nadal, stagione finita: salta le Atp Finals e si opera alla caviglia
Gli altri due sorteggiati nel gruppo "Lleyton Hewitt" sono il sudafricano Kevin Anderson e l'austriaco Dominic Thiem . Fra gli assenti, oltre a Nadal , era già stato considerato l'argentino Juan Martin Del Potro , che è infortunato.


Un pazzo è entrato in un ristorante e ha aperto il fuoco sui clienti. "Era vestito tutto di nero e aveva un passamontagna", ha affermato uno dei superstiti. Poi si è diretto alla cassa e ha continuato a sparare.

La testimonianza di John Hedge, di Moorpark, ripresa da Abc7: "Ero all'ingesso principale e stavo parlando con il mio patrigno quando ho iniziato a sentire degli scoppi". Al momento non si sa cosa sia successo. Il locale si trova a poca distanza dalla California Lutheran University e dalla Pepperdine University. "Ha solo sparato, senza dire nulla", ha concluso il testimone. Ucciso anche il primo agente arrivato sul posto, mentre la sparatoria era ancora in corso.

Latest News