Incendio in California: 6.700 edifici mangiati dalle fiamme

California devastata dagli incendi evacuata Malibu paradiso delle star

Incendio in California: 6.700 edifici mangiati dalle fiamme

Sono almeno già 300mila le persone che hanno dovuto lasciare le proprie case, tra cui anche molti vip in fuga dalle loro ville di Malibù: da Kim Kardashian, agli attori Martin Sheen e Orlando Bloom, passando per le popstar Cher e Lady Gaga. Danni enormi che rischiano di condizionare l'economia dello Stato. Un totale di 6.713 strutture sono state distrutte: 6.453 case e 260 edifici commerciali di Paradise, ormai una città fantasma. Intere città sono state bruciate e le auto sono state abbandonate sul lato della strada.

Migliaia di residenti nella boscosa cittadina hanno preso le loro auto e sono fuggiti. Per gli abitanti, circondati dal fumo denso e dalle ceneri turbinanti, è stato come vivere l'inferno in terra. 31 morti accertati, 228 dispersi, 7 mila case distrutte e 300 mila sfollati è il drammatico bilancio di un disastro ambientale, umano ed economico senza precedenti, pur in un'area degli Stati Uniti che periodicamente è soggetta a eventi di questo tipo.

Più a sud, vicino a Los Angeles, è divampato un altro grande incendio che ha portato a un'altra evacuazione di massa.

Inter, Spalletti trova il problema: "Non riusciamo a mantenere la concentrazione"
Abbiamo giocato e vinto contro una squadra di grande valore, che arrivava da sette vittorie di fila. Giochiamo con più precisione, velocità e concretezza in attacco.


"È una situazione molto pericolosa e molto seria", ha avvertito lo sceriffo della contea di Butte, Kory Honea, dove è stato proclamato lo stato di emergenza. Una scenario di grande preoccupazione che però ha dato il 'la' al presidente Trump per innescare una nuova polemica e attaccare, via Twitter, un bersaglio insolito: i vigili del fuoco.

Dal canto suo Trump rilancia, dicendo che occorre un'adeguata gestione forestale, causando non poche polemiche.

Latest News