Gilet gialli: "un'uscita dalla crisi". Macron all'Arco di Trionfo dopo gli scontri

Francia gilet gialli Premier pronto a moratoria sull'aumento delle tasse sui carburanti 
   	   
 

     Sarebbe dovuto scattare dal primo gennaio 2019

Francia gilet gialli Premier pronto a moratoria sull'aumento delle tasse sui carburanti Sarebbe dovuto scattare dal primo gennaio 2019

I manifestanti in gilet giallo hanno intonano slogan di protesta attorno alla tomba del milite ignoto, sotto l'Arco di Trionfo. Ma la portavoce ha speigato che il faccia a faccia è a rischio e potrebbe saltare.

Jacline Mouraud è una dei portavoce del movimento dei gilet gialli chiamata a negoziare a Parigi con il primo ministro, Edouard Philippe, su invito del presidente Emmanuel Macron.

Pallone d'Oro 2018 assegnato a Modric
L'ufficializzazione non arriva con la cerimonia ma con la lista di France Football che è spuntata nel tardo pomeriggio sui social.


"Nessuna causa giustifica che le forze di sicurezza siano attaccate, i negozi saccheggiati, edifici pubblici o privati incendiati, pedoni o giornalisti minacciati o che l'Arco di Trionfo sia vandalizzato", ha detto Macron alla conferenza stampa a Buenos Aires, dove stava partecipando al vertice del G20. I delegati del movimento, dal canto loro, nelle scorse ore hanno lasciato intendere di essere pronti al dialogo, anche perché temono di essere schiacciati dagli infiltrati "casseur" che nel weekend hanno trasformato le proteste in scontri continui con la polizia. Non ha fatto dichiarazioni. I partiti di opposizione sono scatenati: il leader dei Républicains, Laurent Wauquiez, chiede un referendum sul progetto di transizione ecologico e sulla carbon tax all'origine della protesta, mentre Marine Le Pen (RN) e Jean-Luc Mélenchon (France Insoumise) pretendono elezioni anticipate. Durante un nuovo round di proteste dei "Gilet gialli" nel centro di Parigi, la polizia ha usato gas lacrimogeni contro i manifestanti. "L'assenza di risposte concrete e immediate del governo e delle imprese, il loro rifiuto di aprire veri negoziati, generano una collera legittima nella popolazione", scrive il sindacato, in riferimento al movimento dei gilet gialli, di cui assicura di condividere la "collera".

I gilet gialli si sarebbero resi disponibili a un incontro con il governo per presentare le proprie richieste (stop aumento benzina e sovrattassa sulle revisioni), ma l'Eliseo sarebbe sul punto di optare per delle misure eccezionali per placare le violenze. A Nizza circa un migliaio di studenti hanno manifestato a sostegno dei gilet gialli al grido di 'Macron dimettiti'. Mouraud ai media francesi si è soffermata molto sul problema delle minacce ricevute e ha accusato la parte dei gilet gialli che secondo lei sono "una specie di ragazzini anarchici, manipolati" e che non vogliono trovare "alcuna soluzione" ma soltanto "fare casino". Quello che sta accadendo "è allucinante". Un gruppo impone la sua piccola dittatura e tutti gli altri obbediscono.

Latest News