Papa: ha incontrato Abu Mazen, tema pace in primo piano - Primopiano

Papa Francesco il presidente Mahmoud Abbas e il seguito al termine dell'udienza Palazzo Apostolico vaticano 3 dicembre 2018

Papa Francesco il presidente Mahmoud Abbas e il seguito al termine dell'udienza Palazzo Apostolico vaticano 3 dicembre 2018

Dal canto suo, il presidente della Palestina ha omaggiato il Pontefice con un dipinto raffigurante la vecchia citta' di Gerusalemme, un libro sui rapporti tra il Vaticano e la Terra Santa e un oggetto artigianale in legno.

Il quarto incontro tra Papa Francesco e il presidente palestinese, meglio conosciuto con il nome di battaglia di Abu Mazen, dura venti minuti, con un interprete dall'arabo di Segreteria di Stato.

Nel corso dei negoziati le due parti "si sono soffermate sulla riconciliazione all'interno del popolo palestinese, ma anche sugli sforzi per la ripresa del processo di pace tra israeliani e palestinesi e il raggiungimento di una soluzione di due stati". Lo riferisce la Santa Sede sottolineando che si è parlato anche degli altri conflitti in Medio Oriente e della necessità di contrastare il fondamentalismo. "Grazie della visita", sono le parole infine pronunciate ad alta voce da Papa Francesco, prima di congedarsi.

"Il Papa ha donato ad Abu Mazen un medaglione con la rappresentazione della basilica di San Pietro, e gli usuali doni dell'enciclica 'Laudato si" e il Messaggio della Pace 2018, che "ho voluto firmarlo con la data di oggi", ha specificato il Papa.

Nuova Nissan Leaf Nismo Rc, elettrica da corsa all’ennesima potenza
La nuova Nissan LEAF NISMO RC è alimentata da due motori elettrici collocati alle estremità opposte del telaio . Il modello è leggermente più lungo (4.546 millimetri) rispetto alla versione precedente.


Folta la delegazione palestinese, composta da 16 membri fra cui il ministro degli Esteri Riyad al-Maliki, il consigliere per gli affari religiosi e gli ambasciatori presso l'Italia e presso la Santa Sede.

Riconoscere e preservare l'identità e il valore universale di Gerusalemme come "Città santa per le tre religioni abramitiche": è il comune auspicio formulato da papa Francesco e dal presidente palestinese, Abu Mazen, durante un incontro in Vaticano, il primo dopo la decisione degli Stati Uniti di spostare da Tel Aviv a Gerusalemme la loro ambasciata.

Francesco ha accolto il leader palestinese con un abbraccio e un bacio.

Latest News