Polizia fa mettere in ginocchio studenti, polemica in Francia

Studenti in ginocchio e sotto tiro: il video che sta facendo indignare la Francia e l’Europa

Gilet gialli, "Tentativo di golpe" 007 in allerta su appelli a sparare su politici e polizia - Cronaca dal mondo Roma

I politici di sinistra hanno condannato gli arresti e i video dei ragazzi in ginocchio mentre la polizia antisommossa urla loro ordini sono virali sul web.

Gli scontri si sono verificati anche a Marsiglia e Nizza, con le proteste degli studenti, scontenti per la riforma della maturità e del sistema di accesso all'università, che si sono sovrapposte a quelle dei gilet gialli.

"Gli studenti" leggiamo su TgCom "sono stati arrestati nel sobborgo parigino di Mantes-la-Jolie, durante degli scontri in occasione di una protesta che ha contagiato decine di scuole nelle tre settimane di manifestazioni antigovernative".

La sommossa davanti ai licei Saint-Exupery e Jean-Rostand di Mantes-la-Jolie è durata ore: su oltre 700 fermi avvenuti ieri in tutta la Francia per le proteste, 153 sono stati lì. I poliziotti hanno affermato di essersi ritrovati in 15 di fronte a 122 giovani con atteggiamento "ostile" in possesso di "pietre, armi improprie, bastoni e mazze da baseball".

Uber diventa taxi: lanciata a Torino l’app per prenotare il nuovo servizio
Si stima infatti che 350.000 persone - dati Uber - abbiano continuato a prenotare auto online tramite applicazione dall'uscita di scena della società.


Il video sta facendo il giro del mondo: decine e decine di studenti, con lo zaino sulle spalle, costretti a stare in ginocchio, con le mani sulla nuca e la faccia contro un muro.

Per Benoit Hamon, ex candidato socialista alle presidenziali e ora leader di Generation-S, "questa non è la Repubblica".

Il ministro dell'Istruzione Jean Michel Blanquer si è detto 'sconvolto' ma ha invitato a tenere in considerazione il "contesto" di violenze che ha portato all'operazione. Le manifestazioni sono iniziate il 17 novembre contro l'aumento dei prezzi dei carburanti, ma si sono presto trasformate in un grande movimento contro la presidenza di Emmanuel Macron.

Latest News