Istat, occupati stabili a novembre - Ultima Ora

Scende il tasso di disoccupazione 10,5% a novembre

Istat, occupati stabili a novembre - Ultima Ora

Al deciso calo del primo semestre si è contrapposto quindi soltanto un aumento di circa 13'600 persone, pari a meno di un terzo; il totale di 119'661 unità a fine dicembre rappresenta il minimo storico da dieci anni a questa parte. Nell'anno aumentano esclusivamente gli occupati over50 (+275 mila).

Come gia' accaduto in ottobre, l'andamento degli occupati e' sintesi di un lieve aumento dei dipendenti permanenti (+15 mila) e una diminuzione di quelli a termine (-22 mila).

Scorporando i dati per sesso, è netta la prevalenza maschile dei nuovi occupati (+19 mila) a fronte di un calo del dato femminile (-23 mila) mentre guardando alle singole fasce di età la crescita più marcata è tra i 15 e i 24 anni (+12 mila) mentre è sostanzialmente stabile quella degli over 50, tradizionale "forza motrice" dei dati sugli occupati per il doppio effetto delle riforme pensionistiche, che mantengono più persone al lavoro, e della componente demografica. Torna a calare, dopo due mesi di crescita, la stima delle persone in cerca di occupazione (-0,9%, pari a -25 mila unita').

Picchiato violentemente dal padre: muore bimbo di 6 anni
La drammatica storia del piccolo Mertcan Y. sta facendo il giro dei media internazionali e della rete. Il papà di Mertcan , di nome Mehmet Ali Y , era furioso perché il piccolo non aveva fatto i compiti.


Il calo della disoccupazione è compensato dall'aumento del tasso di inattività, al 34,3% (+0,1 punti percentuali). Nel trimestre, continua l'istituto di statistica, al calo degli occupati si associa quello degli inattivi (-0,2%, pari a -32 mila) mentre aumentano i disoccupati (+1,3%, +35 mila). I dati relativi a novembre, commenta l'Istat, confermano un quadro di sostanziale stazionarieta' dei livelli occupazionali. Nella media degli ultimi tre mesi l'occupazione registra una leggera flessione rispetto al trimestre precedente.

Il tasso di disoccupazione giovanile scende al 31,6% (-0,6 punti) a novembre. "Nell'arco dei dodici mesi - aggiunte l'Istat - la crescita occupazionale rimane positiva anche se molto ridimensionata rispetto ai mesi passati, spinta soprattutto dai dipendenti a termine e concentrata tra gli ultracinquantenni". La flessione, nella fascia di età 15-24 anni, è di 0,6 punti percentuali da ottobre e di 1,5 punti da novembre 2017.

Latest News