Saldo e stralcio cartelle: la domanda entro il 30 aprile 2019

Area riservata Agenzia di riscossione

Area riservata Agenzia di riscossione

La nuova sanatoria introdotta dalla manovra di bilancio consente infatti ai contribuenti con un Isee fino a 20mila euro di chiudere i conti con l'Erario e la gestione autonoma previdenziale dell'Inps versando solo il 16% del dovuto (sanzioni, interessi e quota capitale) in caso di un reddito Isee inferiore a 8.500 euro, il 20% se il reddito del nucleo è compreso tra gli 8.500 euro e i 12.500 euro, nonché il 35% per i redditi superiori a 12.500 euro.

Grave e comprovata difficoltà economica, questo il requisito principale richiesto ai contribuenti per aderire al saldo e stralcio.

Il "Saldo e Stralcio", dunque, prevede la possibilità di regolarizzare la propria posizione nei confronti del mancato pagamento della dichiarazione dei redditi o dei contributi dovuti dagli iscritti alle casse previdenziali. Chi ha un Isee non superiore a 8.500 euro verserà il 16% dell'importo dovuto a titolo di capitale e interessi; chi ha un Isee da 8.500 fino a 12.500 euro verserà il 20% del dovuto, mentre con un Isee tra 12.500 e 20 mila euro si estinguerà il debito fiscale con il 35% del dovuto.

Il modello Sa-St per aderire al 'saldo e stralcio' è riservato ai contribuenti persone fisiche che dimostrino di avere i requisiti reddituali e patrimoniali indicati dalla legge (Isee del nucleo familiare non superiore a 20 mila euro) e che abbiano debiti affidati all'agente della riscossione tra il 1° gennaio 2000 e il 31 dicembre 2017 derivanti esclusivamente da omesso versamento di imposte risultanti dalle dichiarazioni annuali e dalle attività di cui all'art. La legge dispone che vadano considerate in una situazione di grave e comprovata difficoltà economica anche le persone fisiche per le quali, alla data di presentazione della dichiarazione di adesione, sia stata aperta la procedura di liquidazione dei beni prevista dalla legge sul sovraindebitamento.

Usa-diesel,Fca pagherà oltre 650 mln dlr - Nord America
In dettaglio, si legge nella nota di Fca , le sanzioni civili prevedono il pagamento di 305 milioni di dollari a U.S. Intanto in Piazza Affari il titolo perde l'1,95% a 1,61 euro dopo essere arrivata a perdere il 2%.


Coloro che volessero aderire al "Saldo e stralcio", potranno presentare la domanda entro il prossimo 30 aprile, e potranno scegliere se effettuare il pagamento in un'unica soluzione, entro il 30 novembre 2019, oppure in 5 rate con ultima scadenza il 31 luglio 2021. Rientrano nell'agevolazione anche i contribuenti che, nel rispetto dei requisiti in termini di Isee e per le sole tipologie di debiti previste dalla legge, hanno aderito alle precedenti "rottamazioni delle cartelle" e non hanno perfezionato integralmente e tempestivamente i pagamenti delle somme dovute. In caso di adesione con richiesta di dilazione, le rate saranno a novembre 2019, quando ci sarà da versare il 35% del dovuto, a marzo 2020, quando occorrerà versare il 20% del debito totale e poi a luglio 2020, marzo 2021 e luglio 2021, con tre rate, ciascuna pari al 15% del totale dovuto. La percentuale scende al 10% per chi rientra perchè ha in corso la procedura di liquidazione per sovraindebitamento. In caso di procedura di liquidazione si dovrà allegare anche la copia conforme del decreto di liquidazione. Eventuali ulteriori modalità di presentazione saranno pubblicate, tempo per tempo, sul portale www.agenziaentrateriscossione.gov.it.

All'interno del modulo di domanda di saldo e stralcio sarà necessario indicare il numero di protocollo, il valore del proprio modello ISEE così come la data di avvenuta presentazione. In questi casi la domanda inviata verrà dirottata verso la rottamazione ter, disciplinata dal Decreto Legge fiscale n. 119/2018.

LA DOMANDA E I VERSAMENTI: TUTTO SUBITO O CINQUE RATE - Il modello SA-ST va presentato entro il 30 aprile ed entro il 31 ottobre l'Agenzia delle Entrate-Riscossione comunicherà le somme dovute o la mancanza di requisiti. 3 del DL n. 119/2018, gli importi dovuti calcolati secondo la cosiddetta rottamazione-ter, con le relative scadenze di pagamento.

Latest News