Tonio Cartonio non è morto di overdose e ha un compagno

Proprio 20 anni fa La Melevisione iniziava la sua programmazione nel pomeriggio di RaiTre. Tra i personaggi spiccavano il Lupo Lucio la Strega Salamandra la viziata Principessa Odessa il principe Giglio la Fata Lina e poi il preferito dai bambini

Tonio Cartonio Danilo Bertazzi Sono passati quasi vent’anni da quando il biondo folletto animava i pomeriggi di Raitre

I più piccoli conoscono perfettamente le storie di Lupo Lucio, Strega Varana, Orco Rubio, Principessa Odessa, Fata Lina e Principe Giglio, Cuoco Danilo e Baglia Bea e li ritroveranno proprio nel corso della maratona che sarà trasmessa a partire dalle ore 21 del 18 gennaio.

La figura centrale era Danilo Bertazzi, che con grande simpatia ha interpretato il personaggio di Tonio Cartonio fino 2004 per poi passare il testimone a Lorenzo Branchetti e al suo alter ego Milo Cotogno.

Ricorso respinto, nessuno sconto per Koulibaly dopo gli ululati razzisti
Dopo il danno della sconfitta e degli insulti, il Napoli esce quindi sconfitto un'altra volta dalla brutta serata di San Siro. La vittima della discriminazione deve pagare, dopo le umiliazioni, anche il prezzo della squalifica.


A dispetto delle leggende metropolitane e delle fake news che circolavano sulla sua persona e che lo volevano passato a miglior vita (per overdose, ndr), l'attore è vivo e sta benissimo. Niente, c'era stata una sorta di rifiuto a credere che io fossi ancora vivo: dicevano che quello era un sosia, pensi un po'. Davvero assurdo. Il mitico Tonio Cartonio fa ancora fatica a capire il perché qualche zucca vuota abbia deciso di accanirsi contro di lui, che, in fondo, non aveva fatto altro che far divertire e crescere i bimbi del 2000. C'era qualcosa di infamante dietro tutto quello: ho fatto denunce, ma non siamo mai riusciti a trovare i responsabili. "Quando sono uscito dal cast del programma - ha raccontato - ha preso piede la voce che io fossi morto per overdose di droga: ma quale morto, sono vivo e vegeto". Ancora oggi mi sfugge il motivo per cui c'è stato un accanimento di quel tipo verso un personaggio nato per i bambini. "A 58 anni prendi la vita con serenità, godendoti gli affetti, come il mio compagno Roberto, e il lavoro, finché c'è". "La libera professione - ha dichiarato nell'intervista - soprattutto nel mondo dello spettacolo, è in balia del caso".

Bertazzi, che oggi si divide tra tv e recitazione, è nel frattempo diventato autore televisivo del programma La Posta di YoYo, in onda su RaiYoyo, ed è felicemente fidanzato da sette anni. Ma non ho appeso il microfono al chiodo: "tornare in video come conduttore non mi dispiacerebbe affatto".

Latest News