Aumenti per i farmaci da banco: cosa cambia

Farmaci da banco aumenti in arrivo si pagherà un euro in più a confezione

Caro prezzi su 800 farmaci da banco: "Costeranno in media quasi un euro in più"

È quanto rivela Federfarma.

I rincari, in media del 5,7%, riguardano quasi 800 diverse tipologie di prodotto, in parte sono già scattati e in parte arriveranno entro febbraio. "Sugli aumenti di prezzo vigila l'AIFA che, come riportato sul sito internet dell'AIFA stessa, effettua un monitoraggio sugli incrementi, che non possono superare l'inflazione programmata".

In continuo aumento i prezzi dei farmaci di fascia C, un colpo basso che non ci voleva, soprattutto in questo periodo di forte crisi economica. Liebl precisa che il loro prezzo sale, perché così stabiliscono le case farmaceutiche, ogni due anni "accade, per legge, sempre e solo negli anni dispari". In media a poco meno di un euro a confezione. a confezione. Federfarma ricorda che invece "il prezzo al pubblico dei medicinali senza obbligo di ricetta è deciso da ciascuna farmacia ed esercizio commerciale abilitato alla vendita dei prodotti". E a discrezione di farmacie e parafarmacie restano naturalmente i prezzi dei prodotti senza ricetta medica.

Tonali: "Sogno Gattuso come allenatore ma ora penso solo al Brescia"
Ho sempre tifato Milan e mi ispiro a Gattuso per la cattiveria che metteva in campo, dava sempre il 110%. Ma nonostante ciò, il centrocampista classe 2000 rimane concentrato sul presente.


I farmaci con l'aumento più consistente sono Muscoril, che costerà 1,60 euro in più e il collirio Tobradex, 2 euro in più. In questa fascia infatti troviamo sia i farmaci che possono essere dispensati solo dietro presentazione di ricetta medica ripetibile o non ripetibile (farmaci Op, cioè con obbligo di prescrizione) sia quelli che possono essere dispensati senza ricetta medica (i cosiddetti farmaci Sop, cioè farmaci senza obbligo di prescrizione).

"Sarebbe una legge di buon senso - spiega Branca -, a costo zero, che garantirebbe nuovi posti di lavoro e ne stabilizzerebbe circa diecimila già esistenti, a tutto vantaggio del cittadino e della comunità, in aiuto e supporto del sistema farmaceutico", mettendo al centro "concorrenza etica, risparmio, occupazione diretta e indotta, spinta ai generici anche in fascia c, qualità, servizio, consiglio, capillarità, scelta".

Antidolorifici contro il mal di testa ma anche antidepressivi.

Latest News