Sostegno+alla+ricerca+sul+cancro%2C+tornano+%27Le+Arance+della+Salute%27

Sostegno+alla+ricerca+sul+cancro%2C+tornano+%27Le+Arance+della+Salute%27

Sostegno+alla+ricerca+sul+cancro%2C+tornano+%27Le+Arance+della+Salute%27

Sabato 26 e domenica 27 gennaio, invece, a profumare di buono sono 42 piazze in città (con banchetti in piazza Vittorio Veneto; Portoni Borsari, piazza Erbe; San Michele Extra, via Golosine 2, da Erbisti e Montorio) e in molti altri centri della provincia (San Martino Buon Albergo, San Giovanni Lupatoto, Legnago, Villa Bartolomea, Isola, Zevio e S.Maria di Zevio, Villafranca, Bussolengo, Pescantina, Peschiera, Malcesine, Affi, Negrar, Poiano...).

Come sappiamo il cancro è un nemico subdolo e complesso che va combattuto con tutte le armi a disposizione. È il messaggio dell'AIRC (Associazione italiana ricerca sul cancro) in occasione del consueto appuntamento di sabato 26 gennaio con "Le Arance della Salute" che vuole sostenere il lavoro di circa 5.000 ricercatori e promuovere comportamenti e abitudini salutari per ridurre il rischio di cancro e renderlo sempre più curabile. L'arancia è presa a simbolo della campagna quale frutto simbolo dell'alimentazione sana e protettiva grazie alle sue straordinarie proprietà. Si tratta, infatti, di arance rosse italiane che contengono gli antociani, pigmenti naturali dagli eccezionali poteri antiossidanti, e circa il quaranta per cento in più di vitamina C rispetto agli altri agrumi.

Juventus, Paratici dimentica la lista della spesa al ristorante: tutti i nomi
E una volta che il ds straccia quel foglio lo lascia sul tavolo e si allontana, il tifoso pensa bene di raccoglierlo e rimettere insieme i pezzi.


In tutta Italia i volontari dell'associazione per la ricerca sul cancro distribuiranno, con un contributo di 9 euro, una reticella di 2,5 Kg di arance e, aggiungendo 1 euro, si potrà avere la pratica shopper da usare ogni giorno. I volontari, inoltre, consegneranno una Guida con alcune preziose informazioni sulla prevenzione, in particolare su fumo e obesità, insieme a ricette sane e gustose a base di arance, firmate da Moreno Cedroni, Carlo Cracco e dal giovane chef Roberto Tonola. Il fumo è il fattore di rischio evitabile che più incide sulla salute. Anche il cibo che consumiamo può diventare un alleato per la prevenzione, se insieme riduciamo altri fattori di rischio come obesità e sedentarietà. Alcuni tipi di tumore - quelli che interessano esofago, stomaco e intestino - sono più sensibili agli effetti dell'alimentazione. "Investire in comportamenti salutari - niente fumo, alimentazione equilibrata ed esercizio fisico regolare - potrebbe rappresentare il segreto per ammalarsi un po' meno, avere una vita lunga e un invecchiamento migliore". Aiuteremo AIRC e i suoi 5 mila ricercatori a costruire un futuro sempre più libero dal cancro.

Latest News