I "gilet gialli" restano compatti. Ancora scontri a Parigi

Tensione a Parigi

I "gilet gialli" restano compatti. Ancora scontri a Parigi

Le forze dell'ordine hanno lanciato cariche per facilitare l'evacuazione della piazza, dove non sono mancati diversi danni. A Parigi alcune migliaia di persone, partite da Place Félix Eboué, si stanno muovendo pacificamente verso la centrale place de la République.

Dall'inizio delle proteste dei gilet gialli, l'Ispettorato generale della polizia francese ha avviato 116 procedimenti sul possibile abuso della forza da parte della polizia contro i manifestanti. Precedentemente altre fonti avevano indicato la presenza di 13.800 manifestanti a Parigi. Almeno 36 indagini riguardano l'uso da parte della polizia di proiettili di gomma e granate stordenti. Gli organizzatori esortano a scendere in strada con "bende sugli occhi" e gilet macchiati di rosso, come fosse sangue. Figura del movimento e gravemente ferito a un occhio la scorsa settimana, Jérôme Rodrigues è stato acclamato prima di lasciare la marcia sotto scorta.

La protesta dei Gilet gialli appare quindi depotenziata, dopo che sono riusciti ad ottenere dal governo la sospensione dell'aumento dei prezzi di 6,5 centesimi per il diesel e di 2,9 centesimi per la benzina, l'aumento di 100 euro al mese per oltre un milione e 200mila lavoratori e la detassazione degli straordinari, uno scherzetto da 10 miliardi che ha portato la Francia a sforare il 3 per cento del deficit.

Caso Carige, l’accusa di Di Maio: "Ecco i responsabili del disastro"
Come hanno riportato numerosi organi di stampa, la Banca ha accumulato perdite sui crediti per diversi miliari di euro dovuti .


Scontri anche in altre città francesi. Secondo la prefettura, 14 persone sono state fermate prima della manifestazione. Nel pomeriggio tensioni anche a Strasburgo dove la polizia è dovuta ricorrere al lancio di lacrimogeni. Lo riporta Franc Info.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

Latest News