La ricerca dell'Università di Washington: il cervello delle donne invecchia più lentamente

Il cervello femminile invecchia più lentamente è 3 anni più giovane di quello degli uomini

La ricerca dell'Università di Washington: il cervello delle donne invecchia più lentamente

Che cosa significa? Che gli uomini sono soggetti a declini cognitivi o patologie cerebrali (dovute all'avanzare dell'età) prima delle donne, in quanto l'emisfero cerebrale di quest'ultime invecchia più tardi.

Le donne? Hanno un cervello mediamente 3 anni più giovane di quello degli uomini.

Il cervello femminile e quello maschile invecchiano in maniera diversa e il cervello delle donne si mantiene "più fresco" nel tempo. I ricercatori hanno indagato in particolare sul modo in cui il cervello bruciava la sua 'benzina': lo zucchero. Sfruttando un algoritmo allenato a mettere in relazione l'età e il metabolismo cerebrale sulla base di dati raccolti nei maschi, gli studiosi hanno scoperto che nelle donne l'età media del cervello era di 3,8 anni inferiore rispetto a quella anagrafica. L'esperimento e' stato fatto anche sugli uomini addestrando l'algoritmo con dati femminili, e ne e' emersa un'eta' cerebrale media di 2,4 anni maggiore rispetto a quella reale. E benché non sia paragonabile quella che si registra per altri parametri come l'altezza, è comunque "più forte rispetto a molte altre differenze segnalate" fra i due generi.

Pensioni, la recessione mette a il rischio il sistema di "quota 100"
Potranno, infatti, andare in pensione fino a 5 anni prima che a legislazione previgente . Boeri ha poi sottolineato che gli effetti di scoraggiamento al lavoro sono "rilevanti".


"La differenza media tra l'età cerebrale calcolata tra uomini e donne è significativa, e il nostro metodo è riproducibile", spiega Manu Goyal, tra gli autori dello studio pubblicato su PNAS, che tuttavia sottolinea la necessità di ulteriori studi di approfondimento. Un dato importante evidenziato dal lavoro americano è che la maggiore 'giovinezza metabolicà del cervello femminile era rilevabile anche tra i partecipanti più giovani, all'incirca ventenni.

Così gli scienziati della Scuola di Medicina dell'Università di Washington a St. Louis hanno usato la tomografia a emissione di positroni (PET) per misurare il flusso di sangue e glucosio nel cervello di 205 volontari, 121 donne e 84 uomini, tra i 20 e gli 82 anni di età. Il punto è che "entrano nell'età adulta circa 3 anni più vecchi e questo 'gap' persiste per tutta la vita". Nei test, inoltre, il cervello femminile, ha portato risultati migliori di quello maschile in prove mnemoniche, logiche e di risoluzione dei problemi. "La ragione per cui le donne non sperimentano negli anni lo stesso declino cognitivo degli uomini sia proprio il fatto che il loro cervello è effettivamente più giovane".

Latest News