Intelligenza artificiale, Munich Re diventa azionista del centro di ricerca DFKI

Intelligenza Artificiale: l'Università di Bologna è pronta per il futuro

All'Alma Mater ora si studia l'intelligenza artificiale | VIDEO

Il team italiano, assistito dall'Ambasciata, ha avuto dunque una fitta serie di incontri, con l'Alan Turing Institute, con l'Imperial College, con l'Office for AI (agenzia pubblica britannica per il coordinamento delle politiche pubbliche a sostegno del settore) e il Digital Catapult (centro a finanziamento pubblico-privato per la crescita delle startup digitali, in modo particolare nei settori afferenti alla machine intelligence e sue possibili applicazioni). L'università Alma Mater, ateneo sempre all'avanguardia, sperimenta un corso di laurea davvero innovativo: si parla di Intelligenza Artificiale (cioè la tecnologia informatica che fornisce ad un robot qualità di calcolo che gli permettono di compiere operazioni e "ragionamenti" complessi). A riportare la notizia è il sito Skuola.net.

La prima università italiana ad aver attivato una laurea magistrale internazionale in intelligenza artificiale è l'Ateneo di Bologna.

La visione "artificiale" e altamente robotizzata del futuro dell'umanità, non è più un miraggio dai contorni sfocati, ma è già diventata realtà grazie alle nuove tecnologie applicative e alle loro implicazioni socio-economiche.

Come spiega il direttore del dipartimento di Informatica, scienza e ingegneria Antonio Corradi, il corso "dovrebbe consentire di qualificare ulteriormente le persone in modo da rispondere alle richieste che ci vengono dal territorio". Bologna e la sua Università stanno per diventare un punto di riferimento mondiale per la ricerca sull'intelligenza artificiale.

Sanremo 2019, l’abbraccio dietro le quinte tra Loredana Bertè e Serena Rossi
Forse perché eri una donna, avevi successo, e avevi carattere, e le donne col carattere non sono mai piaciute. Sirena splendida... orgogliosi di te!


Qui si studieranno e si progetteranno aauto a guida autonoma, robotica avanzata, medicina personalizzata e molto altro ancora: non solo dal prossimo anno accademico partirà la laurea magistrale in Intelligenza artificiale, caso pressoché unico in Italia visto che al momento c'è un corso analogo, ma più settoriale, alla Sapienza di Roma.

Gli iscritti, una volta conseguita la laurea, potranno fregiarsi della qualifica di "specialisti in Artificial Intelligence": figure tecniche altamente specializzate, con conoscenze informatiche e competenze specifiche su questo argomento, capaci di affrontare la progettazione, la realizzazione e la gestione di prodotti e servizi innovativi.

Oltre al corso di studi, come detto, in arrivo anche il Centro interdipartimentale (aprirà i battenti già in primavera) che si propone di mettere al lavoro insieme il meglio dell'Alma Mater. Realizzando approfondimenti, anche tramite ricerche di base, che toccheranno l'informatica, la matematica, le scienze cognitive, la bioingegneria, le neuroscienze.

Latest News