Protesta pastori: il Cagliari solidarizza, Olbia si organizza

Pastori protestano per il latte bloccata la squadra del Cagliari

Getty Images

Da qualche giorno gli allevatori, invece che consegnare il latte ovino, buttano via quel che mungono e mettono in rete i video dei litri di prodotto buttati via. La situazione nello scalo di Porto Torres è tornata alla normalità solo nella tarda mattinata di domenica, quando la protesta dei pastori si è placata.

I blocchi stradali e le cisterne sotto scorta - La rabbia degli allevatori si è riversata anche lungo la Statale 131, la principale arteria sarda che collega Cagliari con Sassari. Sono totalmente d'accordo con loro, non possiamo pensare che vengano pagati sottocosto - ha detto il ministro - I pastori sardi hanno perfettamente ragione, poi le modalità le lascio a voi. Problemi anche sulla statale 129.

Ieri erano stati i calciatori del Cagliari, dopo un tentativo dei pastori di bloccare la loro partenza per la trasferta di Milano. Attraverso i filmati rilanciati sui social, già cinque allevatori sono stati identificati e denunciati. Blocchi e sversamenti in tutta la Sardegna. Una protesta che si è ripetuta anche a Orune, nel Nuorese, dove una quarantina di pastori hanno rovesciato il latte all'uscita dal paese. L'opposizione entra nella vertenza sarda con l'ex ministro dell'Agricoltura Maurizio Martina, deputato e candidato alla segreteria dem: "Nessuno può rimanere indifferente".

L’ultimo attacco contro l’ISIS, in Siria
Micalizzi è uno dei più affermati fotoreporter di guerra italiani, noto a livello internazionale per i suoi reportage di guerra.


Coldiretti: "Scomparse milioni di pecore" - La regione - spiega l'associazione di categoria - è nel Mediterraneo la terra in cui è "più alta la concentrazione di pecore, quasi due ogni abitante" ed è la "regione in cui si trova il 40% delle pecore allevate in Italia che producono quasi 3 milioni di quintali di latte destinato per il 60% alla produzione di pecorino romano (Dop), ma riconosciuti dall'Unione Europea ci sono anche il Fiore Sardo Dop e il Pecorino Sardo Dop. Come abbiamo costruito una soluzione per il latte vaccino negli anni scorsi, ora il governo deve occuparsi subito di loro, convocandoli immediatamente a un tavolo al ministero".

Sul fronte interno si annuncia una settimana 'calda'. Così il governatore Francesco Pigliaru e l'assessore Pier Luigi Caria, si appellano "al senso di responsabilità di tutti: non lasciate il tavolo, fatelo per le decine di migliaia di famiglie che attendono le dovute risposte su un prezzo del latte inaccettabile".

Latest News