Consiglio Europa: "In Italia peggiora libertà stampa"

Immagine di copertina

Consiglio Europa: "In Italia peggiora libertà stampa"

Nel rapporto del Consiglio d'Europa c'è anche un chiaro attacco a Matteo Salvini e Luigi Di Maio: "I due vicepremier - si legge nel testo riportato dal sito di Repubblica - esprimono regolarmente una retorica particolarmente ostile a media e giornalisti sui social. Tredici allarmi sono stati focalizzati sull'Italia, lo stesso numero che nella Federazione Russa", si legge nel capitolo dedicato all'Italia.

Libertà di stampa in pericolo in Italia.

Stando al report della piattaforma del Consiglio dell'Europa per la protezione del giornalismo la "maggior parte degli allarmi registrati - scrivono - sono stati inviati dopo l'insediamento del nuovo governo di coalizione il primo giugno". In tal senso, il rapporto ribadisce che la libertà di stampa è "chiaramente peggiorata" con un numero di violazioni triplicato rispetto al 2017. Negli ultimi mesi la categoria ha subito attacchi continui, annunci di ritorsioni e minacce da parte dei due vicepremier Di Maio e Salvini.

Nel documento si affrontano anche altre questioni, come quella della scorta di Saviano: "Il vicepremier Salvini ha minacciato di togliere la scorta al giornalista Roberto Saviano, nonostante siano note le minacce di morte che ha ricevuto da parte di organizzazioni criminali". La mafia e la criminalità organizzata rimangono in Italia "una delle più gravi minacce" contro i cronisti. "Inoltre, diversi giornalisti sono stati intimiditi e attaccati da membri di gruppi neofascisti".

Dimartedì, Di Battista al pubblico: "Oggi non applaudite?"
"Grazie" ha detto Alessandro Di Battista durante il programma Dimartedì condotto da Floris su La7, chiedendo al pubblico di battere le mani alla fine del suo intervento.


Il capitolo sull'Italia si conclude ricordando che "ventuno giornalisti italiani minacciati dalla mafia vivono in modo permanente sotto protezione della polizia". Mentre "Di Maio ha insultato i giornalisti dopo il processo al sindaco di Roma, Virginia Raggi, e ha dato inizio a una politica per abolire i fondi pubblici alla stampa". Così il presidente del Consiglio Nazionale dell'Ordine dei Giornalisti, Carlo Verna, ha commentato le conclusioni che emergono dal rapporto delle 12 organizzazioni che gestiscono la piattaforma del Consiglio d'Europa per la protezione del giornalisti.

Secondo il rapporto, in tutta l'Europa il numero di attacchi contro i giornalisti è aumentato costantemente.

Una situazione definita "particolarmente preoccupante" evidenziando come queste vicende contribuiscono a un clima di intimidazione in tutto il continente.

Latest News