Reddito cittadinanza, Di Maio ora stato si occupa degli invisibili

Legittima difesa Di Maio con Salvini Non ci entusiasma ma è nel contratto

Reddito cittadinanza, Di Maio ora stato si occupa degli invisibili

Entusiasta il ministro del Lavoro Luigi Di Maio: "L'impoverimento degli ultimi 10 anni è stato provocato da una classe dirigente che ha pensato innanzitutto a sé stessa e non alla comunità".

Tratta Torino-Lione- Sulla Tav "una decisione sarà presa entro venerdì perché la società Telt deve scegliere se dare l'avvio ai bandi", ha ribadito anche il vicepremier Luigi Di Maio.

Da oggi è possibile presentare le domande per poter usufruire del reddito di cittadinanza, la misura di lotta alla povertà fortemente voluta dal M5S. La card potrà essere ritirata in posta dal 19 aprile. In vista della giornata di oggi, primo giorno di presentazione delle domanda, e dell'erogazione del reddito e della pensione di cittadinanza nelle prossime settimane c'è stato un "notevolissimo impegno da parte dell'Inps" che ha messo a punto i modelli di domanda "con due giorni di anticipo" rispetto alla scadenza e che permetterà di "avviare l'erogazione del beneficio nei tempi richiesti", ha spiegato. "Se approvando questa legge si dice che si possono utilizzare di più le armi - ha aggiunto Di Maio - questo non è il mio modello di Paese".

Legittima difesa, cosa prevede la nuova legge
Ci sarà sempre un'indagine e spetterà sempre al giudice valutare la legittimità della difesa". Alla fine sono stati 25 i deputati grillini che non hanno partecipato al voto .


Un'occasione, quella di ieri, per lanciare l'ennesima bordata ai governi precedenti. "L'impoverimento degli ultimi 10 anni non è stato casuale, ma è stato provocato da una classe dirigente che ha pensato innanzitutto a sé stessa e non alla comunità sulla quale aveva responsabilità - ha continuato il vicepremier - Questo rapporto adesso si inverte e si dà priorità alle persone, alla loro qualità della vita, al loro futuro, non ai profitti esentasse delle multinazionali e ai "figli di". Stiamo dando loro un'opportunità. "E soprattutto avere la consapevolezza che sono le imprese a costruire le opportunità di lavoro".

Il premier Giuseppe Conte, però, non ha dubbi: il reddito di cittadinanza "non è un provvedimento assistenziale - ha sottolineato - Faremo in modo che non lo sia".

Latest News