Nissan: Ghosn esce del carcere dopo 108 giorni

Giappone ex patron Nissan Carlos Ghosn rilasciato su cauzione

Nissan: Ghosn esce del carcere dopo 108 giorni

Dopo 108 giorni di carcere, Carlos Ghosn è uscito dal centro di detenzione a nord-est di Tokyo, in seguito alla concessione a sorpresa, ieri, della libertà su cauzione. Ciò nonostante l'importo della cauzione è comunque ingente: il giudice ha stabilito infatti che la scarcerazione di Ghosn possa avvenire previo pagamento di ben un miliardo di yen, ossia circa 8 milioni di euro.

Il manager tuttavia non potrà lasciare il Giappone.

Ghosn è accusato di aver sottostimato i propri compensi dal 2010 al 2017, e una serie di illeciti finanziari, tra cui abuso di fiducia aggravata. La procura ha immediatamente fatto ricorso, che però è stato respinto.

Allarme bomba in metro e aeroporto a Londra
Al momento però è valutata ogni pista ed impossibile escludere qualsiasi ipotesi. Le indagini sono immediatamente partite: sul caso polizia e antiterrorismo .


In Giappone, i sospettati rimangono spesso detenuti per mesi, specialmente quelli che come Ghosn insistono sulla loro innocenza.

Ghosn si dichiara innocente e vittima di un complotto orchestrato dal Ceo di Nissan, Hiroto Saikawa. Mentre va avanti l'inchiesta interna della Nissan sulle sospette violazioni dello statuto societario da parte del top manager - ritenuto 'una persona sui cui si accentravano troppi poteri' - il costruttore auto si confronta adesso con le palesi rivendicazioni della casa transalpina di rimanere alla guida della gerarchia del gruppo, nominando un sostituto nel ruolo che è stato dell'ex presidente di origini libanesi.

Latest News