Silvio Berlusconi indagato per corruzione in atti giudiziari

Sentenze Consiglio di Stato Berlusconi indagato per corruzione

Silvio Berlusconi indagato per corruzione in atti giudiziari

Silvio Berlusconi è indagato per corruzione in atti giudiziari in relazione alla sentenza del Consiglio di Stato che tre anni fa gli consentì di mantenere una quota azionaria in Mediolanum più alta di quanto volesse Bankitalia. L'inchiesta è quella sul presunto "sistema tangentizio" che ci sarebbe stato nel massimo organo della giustizia amministrativa, il Consiglio di Stato. L'annuncio è arrivato durante la serata del 7 marzo e le accuse per l'ex premier e leader di Forza Italia riguardano una sentenza relativa alla cessione della quota detenuta in banca Mediolanum proprio da Berlusconi.

La sentenza in questione determinò il ribaltamento rispetto a quella determinata dal Tar del Lazio che imponeva la vendita di alcuni azioni per un totale del 20%. "(Berlusconi, ndr) hanno incontrato" soggetti "al Consiglio di Stato". Tanto che l'ex Cavaliere ha già ricevuto un avviso di proroga delle indagini per corruzione in atti giudiziari.

L'avvocato di Silvio Berlusconi Niccolò Ghedini si è detto tranquillo: "Il presidente Berlusconi - ha detto all'Adnkronos - era già stato indagato e già archiviato per la stessa vicenda e l'indagine è stata riaperta per via di nuovi elementi". L'indagine che vede entrambi coinvolti è portata avanti dalla Guardia di Finanza ed è coordinata da Paolo Ielo e da Stefano Rocco Fava (PM). "Ci auguriamo solo che l'archiviazione avvenga in tempi brevi e siamo fiduciosi visto che le indagini sono affidate a un ottimo magistrato come il dottor Ielo". In totale sono cinque gli episodi contestati dai magistrati di piazzale Clodio.

Juve: ‘Accordo già raggiunto con Guardiola’
Ovviamente con il placet di Cristiano Ronaldo , con l'asso portoghese che ha vinto molti trofei con Zidane alla guida e sarebbe, quindi, il primo a volerlo.


Il "sistema" Il fascicolo conta 31 indagati.

Nello stesso procedimento risultano indagate altre tre persone. A settembre scorso era stata data per certa la sua nomina a presidente del Consiglio di Stato, incarico finito in extremis al giudice Filippo Patroni Griffi. Per il Consiglio di Stato inoltre, si legge nella sentenza.

Latest News