A Manchester per lavorare, ragazza bresciana uccisa in casa: fermate due persone

Lala uccisa per rapina l'ipotesi degli investigatori inglesi sulla morte della 26enne bresciana a Manchester

La vittima Lala Kamara

È stata la coinquilina a trovare il cadavere e a dare l'allarme: i soccorritori, però, non hanno potuto fare altro che constatare la morte di Lala. Lala è cresciuta in provincia di Brescia, dove la sua famiglia si era trasferita quando la ragazza aveva quattro anni. Dopo aver svolto diversi lavori di vario tipo, lunedì avrebbe dovuto iniziare a lavorare come infermiera presso un istituto di Manchester dove era stata assunta dopo aver vinto un concorso. La polizia ha fermato due giovani di 21 e 25 anni, accusati del delitto, avvenuto sabato nella casa dove viveva Lala.

Joe Bastianch pubblica la foto del piccione alla brace: bufera su Instagram
E un altro: " Il mio rottwailer si rifiuterebbe di mangiare questo piatto autoptico ". Joe Bastianich nel mirino delle critiche.


Due giovani - un ventunenne e un venticinquenne - sono stati fermati dalla polizia che li considera in qualche modo responsabili dell'accaduto. Su Instagram il fratello maggiore di Lala, il 27enne Ibra, ha scritto: "Repose en paix, petite soeur". E il padre è già volato a Manchester per parlare con i poliziotti.

Latest News