Inter, Wanda Nara: "Dico ciò che penso. E continuerò a farlo sempre"

"Tra i valori più cari per Socrate (e, in assoluta modestia, anche per me e milioni di altri cittadini) c'è la libertà di opinione e di parola. A volte - ha concluso - si litiga in casa, ma l'importante è il rispetto". Perché? Forse perché è una donna?

CALPESTATI I DIRITTI DI WANDA?- Insomma, sembra che per Cesare Lanza a Wanda Nara siano stati negati i sacrosanti diritti di libertà e di opinione in quanto donna inserita in un mondo tendenzialmente maschile come quello delle procure calcistiche.

Читайте также: Rilasciato il full-trailer del live action di Aladdin

Wanda Nara, moglie e agente di Mauro Icardi, riceverà quest'oggi a Milano il Premio Socrate, edizione 2019. E tentare - provarci almeno - di ridimensionare favoritismi, raccomandazioni e calci nel sedere. La procuratrice e moglie di Mauro Icardi aggiunge: "Il mondo del calcio è molto difficile per una donna ma continuerò a dire le cose che penso, poi si possono condividere o meno".

E ancora: "Io lavoro da quando sono piccola, per essere indipendente". Poi Wanda ha chiuso con un auspicio per le sue bimbe, Francesca ed Isabella, avute proprio dall'attaccante argentino: "Vorrei per loro che un giorno trovassero un uomo come mio marito, che mi difende e mi permette di dire cose su cui magari non è d'accordo".

При любом использовании материалов сайта и дочерних проектов, гиперссылка на обязательна.
«» 2007 - 2019 Copyright.
Автоматизированное извлечение информации сайта запрещено.

Код для вставки в блог

Latest News