Immatricolazoni auto, a febbraio indicatori in calo in Europa

Auto il mercato rallenta a febbraio immatricolazioni in calo dello 0,9

Fca: a febbraio in Ue molto bene vendite Jeep, record per Lancia

Sono state poco meno di 28.700 le registrazioni nei primi due mesi del 2019 di Jeep, il 16,5% di crescita con quota all'1,2%, (+0,2%). A segnalare la tendenza sono i dati diffusi da ACEA, che riguardano i Paesi dell'Unione europea allargata e dell'EFTA1.

I dati di vendita automobilistici non sono positivi a febbraio per Fca, che in Europa ha consegnato 78.850 automobili, il 5,3% in meno rispetto a febbraio dell'anno scorso. Non è bastato il traino del marchio Jeep, che con quasi 16.300 vetture ha venduto il 35,5% in più dello stesso mese dell'anno scorso. Sono quindi 152.900 le immatricolazioni totali dei primi due mesi del 2019, con una quota che rimane stabile al 6,4%. Il brand ha ottenuto risultati sensibilmente migliori alla media del mercato in quasi tutti i principali Paesi: +37,6% in Italia, +15% in Germania, +10,5% nel Regno Unito e addirittura +90% in Spagna. In Italia le vendite sono calate del 2,4% a febbraio a 177.825 unità e nei primi due mesi dell'anno il calo è stato del 4,9% a 343.010 unità. I suoi modelli "chiudono febbraio con forti aumenti delle immatricolazioni: Wrangler +170,2%, Cherokee +121,8%, Compass +33,4%, Grand Cherokee +30,7%, Renegade +27,2%". Giù anche la quota di mercato che passa al 7% dal 7,3% di un anno fa, mostrando tuttavia un recupero rispetto al 5,9% segnato a gennaio. "Il calo delle immatricolazioni di febbraio non è grave perché è inferiore all'1%, ma desta comunque preoccupazione anche perché la frenata nelle vendite interessa più della metà dei 31 mercati nazionali dell'area Ue+Efta". Lo sottolinea Paolo Scudieri, Presidente dell'Anfia."Dopo cinque mesi consecutivi in flessione - spiega - le immatricolazioni crescono in Germania (+2,7%), Francia (+2,1%) e Regno Unito (+1,4%), mentre continuano a calare, per il sesto mese consecutivo, in Spagna (-8,8%) e Italia (-2,4%)". Ed è proprio in questi mercati che si è registrato infatti un calo dello 0,3% con andamenti piuttosto differenziati da paese a paese.

Читайте также: Ciao Darwin 8, la prima puntata del 15 marzo 2019

"Dato il grande impegno di tutte le case per l'auto elettrica - spiega Quagliano di Csp - il mercato europeo pare sulla soglia di una transizione epocale dalle alimentazioni tradizionali a quelle verdi, ma sembra essere entrato in una situazione di stallo".

При любом использовании материалов сайта и дочерних проектов, гиперссылка на обязательна.
«» 2007 - 2019 Copyright.
Автоматизированное извлечение информации сайта запрещено.

Код для вставки в блог

Latest News