Stadio Roma, Raggi: "Se tutto procede al meglio si farà"

Stadio Roma, Raggi:

Stadio Roma, Raggi: "Se tutto procede al meglio si farà"

Il Campidoglio lavora senza sosta da due giorni per trovare la quadratura del cerchio sulla vicenda Torre Maura, ma una soluzione per le oltre cinquanta persone chiuse nello stabile di Via dei Codirosso, in attesa di altra sistemazione, ancora non c'è.

Zaino in spalla, all'uscita da scuola, è andato a sfidare CasaPound che cavalca la protesta contro i 70 rom che il comune voleva portare in uno stabile del quartiere.

"Sono 15 famiglie, tante donne e tantissimi bambini". Poco prima delle 23 è stata anche data alle fiamme un'auto di servizio degli operatori parcheggiata davanti al centro. Che poi di questi tempi gli adolescenti impegnati alla Greta Thunberg sono di gran moda. Una ventina di residenti ha cantato l'inno d'Italia, ha fatto il saluto romano, ha sventolato bandiere tricolore e intonato lo slogan "Italia, fascismo, rivoluzione". "Ricordiamo che questa amministrazione ha investito 425 milioni di euro per sistemare le stazioni metropolitane e i binari perché le metro sono molto vecchie e per anni non è mai stata fatta manutenzione - ha detto Virginia Raggi nel corso del suo intervento a Radio UniCusano Campus -". "Fino a quando non se ne saranno andati tutti, noi da qua non ci muoviamo", ripetono come un mantra.

L'iter del progetto Stadio della Roma non si ferma.

Duro attacco di Sterling a Bonucci: "Non ci resta altro che ridere"
Quei 'buu' rappresentano il disprezzo verso tutte le persone, compresi i bambini, che hanno il colore della pelle di Kean . Mi dispiace moltissimo e naturalmente condanno in modo netto e totale qualsiasi forma di razzismo.


La sinistra riparta da Greta, o dalla "sindaca" afro di Chicago, o da Pamela Anderson, ma anche da Mahmood e dal compagno Ivano di Marino (quello che dice le parolacce ed è una cifra simpatico). "Chi ha calpestato il pane ieri notte a #TorreMaura, per giunta gridando "#zingari dovete morire di fame", ha compiuto un gesto sacrilego che tormenta le coscienze di tutti noi", commenta su Twitter Gad Lerner. "Io non so' de nessuna fazione politica, io so' de Torre Maura". "Non credo proprio che lasciassero le porte di casa aperte prima dell'arrivo dei rom".

Bisognerebbe fare tutti quanti un passo indietro: ne è convinta Carla Osella, presidente nazionale dell'Aizo (associazione nazionale zingari oggi). "I rom dovrebbero smetterla di rispondere di pancia alle provocazioni di chi è intollerante". Dall'altra parte, chi li accusa di non integrarsi dovrebbe tenere conto delle difficilissime condizioni in cui vivono.

"Finora queste verifiche hanno dato una serie di pareri positivi, - ha concluso la sindaca Raggi - se continuiamo a rimanere con questi pareri positivi non ho dubbi che si possa dire che si andrà in questa direzione". "Vivere così spegne ogni possibile ambizione e nutre un atteggiamento rinunciatario".

Latest News