Fincantieri: al via assemblea,attesa conferma Massolo e Bono

Fincantieri: al via assemblea,attesa conferma Massolo e Bono

Fincantieri: al via assemblea,attesa conferma Massolo e Bono

Si è aperta l'assemblea degli azionisti di Fincantieri che dovrebbe confermare i vertici del gruppo triestino con il ticket Giampiero Massolo alla presidenza e Giuseppe Bono nella carica di amministratore delegato.

Alcuni azionisti di Fincantieri hanno posto domande sul personale: "ci criticano perché impieghiamo molto personale non italiano, ma se potessimo trovare personale italiano...- ha spiegato Bono -". L'Assemblea ha anche approvato in 10 il numero dei consiglieri del CdA (compresi presidente e ad), composto da 5 uomini e 5 donne. Le cariche saranno sancite nel pomeriggio dallo stesso consiglio d'amministrazione, alla sua prima riunione. Tra gli altri consiglieri in lista ci sono le conferme di Fabrizio Palermo e Massimiliano Cesare (al terzo mandato) e nuovi nomi come Federica Seganti, ex assessore regionale Friuli Venezia Giulia e attuale presidente della società finanziaria Friulia, che fa capo alla Regione Fvg. Lo ha annunciato l'amministratore delegato di Fincantieri, Giuseppe Bono, rispondendo agli azionisti, nel corso dell'assemblea. A favore ha votato il 99,5% del capitale sociale, astenuto lo 0,06% e non ha votato lo 0,37%. Chiude così un anno di crescita record, che sommato agli ultimi 4 anni porta ad un rialzo complessivo del 9%. Innanzitutto la campagna di Francia: il manager gli dedica solo una battuta, "per il closing dell'operazione Chantiers de l'Atlantique (STX) manca soltanto l'ok dell'Autorità Antitrust". "E' un risultato unico per il comparto e per l'industria intera".

Brescia, Tonali: "Futuro? Vado passo passo ma la A è un sogno"
Si pareggia il numero dei legni al 19': Garofalo calcia una punizione dal limite, la palla pizzica la parte alta della traversa. Il gol del vantaggio del Brescia arrivava al 44′ con un grande colpo di testa di Torregrossa su assist di Martella.


"Il settore offshore è ancora in crisi, anche se ci sono timidi segnali di ripresa. Ci aspettiamo prodotti che in futuro possano essere accettati dal mercato". Però dobbiamo metterle in condizioni di lavorare bene sapendo che la donna ha altri compiti oltre a quello di lavorare per l'azienda.

Latest News