Paura tubercolosi a Treviso a causa di una maestra infetta

Un medico in un laboratorio

Un medico in un laboratorio

Era rimasto sopito per quasi 30 anni nel corpo di una maestra per poi ripresentarsi in tutta la sua virulenza. Il batterio della tubercolosi è tornato a far paura in una scuola elementare a Motta di Livenza, comune viciono a Treviso, dove il 5 marzo 2019 ha portato l'Usl locale a organizzare una task force per fronteggiare l'emergenza.

Ciclismo, Giro di Sicilia: prima tappa a Stacchiotti
Viabilità rivoluzionata e Ztl sospesa in occasione del Giro di Sicilia , che giovedì farà tappa a Palermo . Tappa divisa in tre parti ben distinte: pianeggiante, montagna, pianeggiante.


L'allarme è scattato quando l'insegnante e un alunno sono finiti in ospedale con febbre altissima, e pochi giorni dopo sono stati colpiti dalla strana influenza altri sette bambini e una collega della maestra. Tutti all'interno di quella classe. Per contenere l'epidemia è intervenuto il Servizio d'igiene e sanità pubblica di Treviso, che ha effettuato controlli su quasi ottocento persone che hanno frequentato la scuola, tra alunni, genitori, docenti e persino scrutatori del seggio che avevano supervisionato le elezioni tenutesi nell'istituto l'anno scorso. Di questi quattro hanno sviluppato la malattia venendo ricoverati e curati con una terapia multifarmacologica, gli altri hanno seguito la semplice profilassi. La bimba starebbe comunque già in miglioramento. "Rifaremo i test il 20 maggio per escludere ripercussioni". Il sospetto è che i numeri siano destinati a lievitare perché la finestra d'incubazione della malattia è ancora aperta.

Latest News