C’è una specie di Candida che non riusciamo a curare

Un super fungo resistente ai farmaci spaventa il mondo è letale

C’è una specie di Candida che non riusciamo a curare

A parlare proprio di uno di questi, a quanto pare uno dei più pericolosi e che si stanno diffondendo maggiormente, è il New York Times. Diversi mesi fa in un ospedale di Brooklyn è stato ricoverato un anziano il quale ha successivamente subito un intervento chirurgico all'addome.

Il New York Times ha dedicato un lungo articolo a uno di questi organismi, il fungo Candida auris: lo conosciamo solo da dieci anni e, anche se per ora è pericoloso solo per le persone con un sistema immunitario molto debole, è facilmente trasmissibile perché sopravvive benissimo negli ambienti per cui sono passate le persone infette. Un parte preoccupante dell'accaduto riguarda la scoperta fatta da parte del responsabile sanitario dell'ospedale sopracitato nella stanza della vittima. L'uomo ricoverato al Mount Sinai morì dopo 90 giorni in ospedale, ma la Candida auris no. I test hanno dimostrato che il fungo era presente dappertutto nella stanza del paziente, tanto da costringere l'ospedale a dotarsi di attrezzature speciali per la pulizia e a staccare alcune delle mattonelle del soffitto e del pavimento per eliminarlo. Se non si riuscirà a unire gli sforzi verso questa direzione il mondo dovrà prepararsi al peggio. "Il materasso, la struttura del letto, le persiane, il soffitto, tutto quello che era nella stanza".

La Candida Auris è così forte, perché resiste alla maggior parte dei farmaci antifungini. La pericolosità non è tanto nella sintomatologia, ma nel fatto che è resistente alla maggior parte dei farmaci contro le infezioni di funghi: secondo il CDC, più del 90 per cento delle infezioni da Candida auris resistono ad almeno uno di questi farmaci.

La Candida auris è lontano parente del più famoso che provoca l'infezione vaginale, può diventare un pericolo mortale se riesce a raggiungere i vasi sanguigni ed entrare in circolo nel corpo. E i ricercatori hanno anche intuito come possa essere avvenuto: i ceppi resistenti agli antimicotici di Candida auris potrebbero essersi auto-selezionati nei terreni trattati con gli azoli, gli antimicotici usati in agricoltura per evitare che le piante siano attaccate dai funghi.

Napoli, Ancelotti: "Difendiamo male. Così con l?Arsenal è difficile"
L'aspetto psicologico non ha contato. "Abbiamo incontrato delle difficoltà inaspettate col Genoa - ha spiegato -". Il nostro obiettivo era arrivare tra 80 e 90 punti, adesso se non ci svegliamo facciamo fatica ad arrivare a 80".


I primi sintomi legati all'infezione del Candida auris sono febbre, dolori muscolari e senso di affaticamento. Si chiama così il fungo killer capace di resistere ai farmaci e di uccidere nel giro di appena tre mesi Diffusosi in India, Pakistan, Sudafrica, ha colpito anche gli Stati Uniti e può essere letale per neonati, anziani e persone malate. Scoperto nel 2009 in Giappone, da allora ha sviluppato quattro diversi ceppi geneticamente diversi. Sembra che solo di recente siano diventati resistenti agli antimicotici, cioè i farmaci contro i funghi. Fino al 2018, quando il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC), che è un'agenzia dell'Unione Europea, ha diffuso una propria valutazione sui rischi legati alla C. auris, c'erano stati casi in sei paesi europei: Austria, Francia, Germania, Norvegia, Regno Unito e Spagna. "I casi accertati negli Stati Uniti sono quasi seicento".

In Italia finora non se ne è parlato molto perché non ci sono stati casi noti, ma nemmeno negli altri paesi è una malattia molto conosciuta fuori dal mondo dei medici.

Per ora la Candida auris è pericolosa solo per le persone con un sistema immunitario compromesso, ma gli scienziati temono che senza lo sviluppo di nuovi farmaci potrebbe diventare rischiosa anche per le persone in salute. Ora accanto all'emergenza dei batteri antibiotico resistenti, dobbiamo fronteggiare anche i funghi resistenti.

Latest News