Wikileaks, Julian Assange è stato arrestato a Londra dentro l'ambasciata dell'Ecuador

Julian Assange

Julian Assange

Julian Assange, fondatore di WikiLeaks, è stato arrestato nell'ambasciata dell'Ecuador a Londra dopo che Quito ha revocato la concessione dell'asilo al giornalista australiano.

Richiesta di estradizione - Assange è stato arrestato dalla polizia britannica sia per la mancata comparizione dinanzi a un giudice del Regno nel 2012, sia sulla base di una "richiesta di estradizione degli Usa". Secondo Assange e il suo staff, la denuncia per violenza sessuale sarebbe stata un pretesto proprio per poterlo processare per la pubblicazione di notizie top secret di tipo politico, diplomatico e militare dalle cancellerie di svariati paesi, tra cui proprio gli Usa, nel luglio 2010.

Julian Assange, il fondatore di WikiLeaks, è stato arrestato, stando a quanto riporta The New York Times.

"Posso confermare che Julian Assange, 7 anni dopo essere entrato nell'ambasciata ecuadoriana, è ora sotto custodia della polizia per affrontare debitamente la giustizia del Regno Unito", ha spiegato il ministro dell'Interno britannico, Sajid Javid. "Voglio ringraziare l'ambasciata dell'Ecuador per la sua cooperazione e la polizia per la sua professionalità: nessuno è al di sopra della legge", ha poi concluso Javid. Al momento dell'arresto aveva in mano un libro di Gore Vidal.

Il mese scorso, Chelsea Manning, ex-soldato ed ex ufficiale dei servizi segreti dell'esercito americano che ha fornito migliaia di documenti segreti a Wikileaks, è stato imprigionato per essersi rifiutato di testimoniare davanti a un gran giurì in un caso che si ritiene sia collegato ad Assange.

Bettiol sorprende tutti al Fiandre
Adesso appuntamento a domenica prossima con la mitica Parigi-Roubaix, vero e proprio monumento delle classiche del Nord. A completare la grande giornata del ciclismo italiano arriva la vittoria nella prova femminile di Marta Bastianelli .


Nel corso degli anni, Wikileaks ha pubblicato materiale trafugato dal dipartimento di stato americano, oltre che documenti derivanti dall'hackeraggio dei computer della Cia e le celebri email del Partito democratico americano, ottenute da hacker russi. "Ma attori potenti, inclusa la Cia, sono impegnati per disumanizzarlo, delegittimarlo e imprigionarlo".

Secondo Wikileaks ci sono "la Cia" e altri poteri dietro la caccia ad Assange.

Descrivendo la scoperta come "nuova e inaspettata", il redattore capo del portale Wikileaks, Kristinn Hrafnsson, ha denunciato oggi in conferenza stampa la scoperta di una vasta operazione di spionaggio contro il suo fondatore, Julian Assange, con l'obiettivo di fabbricare l'estradizione dell'attivista.

"La mano della democrazia stringe la gola della libertà": così la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha commentato su Facebook l'arresto di Julian Assange.

Latest News