Julian Assange è stato arrestato

Julian Assange è stato arrestato dalla polizia britannica nell'ambasciata dell'Ecuador a Londra

Wikileaks, Julian Assange arrestato a Londra

Così è stato arrestato il fondatore di Wikileaks, Julian Assange, dopo che l'ambasciatore dell'Ecuador a Londra gli ha revocato l'asilo politico e ha aperto le porte dell'ambasciata a Scotland Yard. Per la giustizia statunitense quel funzionario è Assange, e da qui l'incriminazione per aver cospirato nell'atto di pirateria che è già costato a Manning una condanna a 25 anni, perdonata da Obama.

Julian Assange è apparso in tribunale a Londra, dopo essere stato arrestato giovedì nell'ambasciata dell'Ecuador, in base a una richiesta di estradizione da parte degli Stati Uniti. Il presidente ha iniziato a sostenere che Assange aveva violato le regole dell'asilo e ha limitato il suo accesso a Internet e ai visitatori. Il piano era stato disegnato dall'ex console ecuadoriano a Londra Fidel Narvaez, e fu abbandonato a pochi giorni dalla scadenza, perché nel frattempo le autorità inglesi si rifiutavano di riconoscere l'equivalenza diplomatica delle credenziali che il governo ecuadoriano intendeva rilasciare. A dicembre l'australiano viene arrestato in Gran Bretagna e poi rilasciato su cauzione. La decisione di arrestarlo sarebbe arrivata infatti proprio dalla richiesta di estradizione presentata dagli USA. Si limitano a contestare il modo in cui Assange sarebbe venuti in possesso delle informazioni propagandando la storia - tutta da dimostrare - dei famosi hacker di Putin. - 19 maggio 2017: la Svezia archivia le accuse.

Recensione Honda Accord 2016
Per garantire la sicurezza del conducente e dell'auto, la telecamera posteriore è integrata con dei sensori di parcheggio. A seconda dell'intensità della pioggia battente sul parabrezza, i tergicristalli si regoleranno automaticamente.


Il Dipartimento di Stato Usa ha inviato tramite i suoi legali una lettera di diffida all'avvocato di Assange, appellandosi all'illegalità insita nel semplice possesso di quei documenti da parte dei gestori di Wikileaks, e negando al contempo ogni tentativo di negoziazione per bloccare la pubblicazione. Riaprira' il caso se Assange rientrera' nel Paese entro agosto 2020, altrimenti scattera' la prescrizione.

Il felino era entrato nella vita del fondatore di WikiLeaks nel 2016 per aiutarlo a passare il tempo mentre era rintanato nell'ambasciata ecuadoriana a Londra, dove aveva trovato rifugio dal 2012. Il presidente dell'Ecuador, Lenin Moreno, chiede "una soluzione positiva a breve termine". Due mesi prima era filtrata la notizia che il deputato repubblicano Dana Rohrabacher avrebbe proposto a Donald Trump di offrire l'immunita' ad Assange in cambio della sua disponibilita' a escludere che sia stata la Russia a fornire a Wikileaks le mail hackerate ai democratici durante la campagna per le presidenziali. Un solo capo di imputazione: cospirazione insieme a Chelsea Manning finalizzata ad hackerare nel 2010 decine di migliaia di documenti classificati legati alla sicurezza nazionale degli Stati Uniti, dall'Afghanistan all'Iran e a Guantanamo, passando per i rapporti con gli alleati. L'11 aprile l'Ecuador revoca l'asilo concesso ad Assange e questa mattina l'ambasciata ecuadoregna a Londra lo ha espulso.

Latest News