Sudan, i media annunciano il colpo di Stato

Sudan, i media annunciano il colpo di Stato

Sudan, i media annunciano il colpo di Stato

Al suo posto si è insediato il generale Abdel Fattah el Burhan, recentemente nominato da Bashir comandante delle forze armate di terra, che ha prestato giuramento come presidente del consiglio di transizione. Consiglio che però non estraderà l'ex presidente Bashir: estradarlo "sarebbe un brutto marchio per il Sudan", ha spiegato il generale Abedeen in una conferenza stampa. Una settimana fa, Burham è sceso in piazza per incontrare i manifestanti e dialogare.

Un altro degli interrogativi che questo colpo di Stato porta con sé è la sorte del presidente al Bashir, già colpito con il suo entourage da diversi mandati di cattura internazionali per crimini contro l'umanità. Auf, invece, aveva annunciato un Governo militare di transizione di due anni, con successive elezioni. "Dialogheremo con tutti per preparare la situazione al cambiamento e alla realizzazione delle nostre aspirazioni", ha dichiarato infatti il generale Omar Zinelabidine.

Washington ha imposto sanzioni a Ibn Auf e ad altri nel 2007 "per il loro ruolo nel fomentare violenze e violazioni dei diritti umani nel Darfur", congelando i suoi beni negli Stati Uniti e vietando agli americani di fare affari con lui. I due militari erano gli unici nominati nel Consiglio di transizione ma, secondo quanto scrive Reuters, erano entrambi legati agli islamisti. Da tre mesi dottoresse, avvocate, studentesse, insegnanti e mamme casalinghe guidano la #SudanUprising, in quella che è la rivolta più potente contro il regime nella storia recente. L'annuncio atteso ha alimentato voci di un possibile golpe.

Benatia: "Tornare a Roma? Magari. I tifosi meritano di vincere"
A Udine voglio bene, i Pozzo sono stati fondamentali, come Guidolin. "Il vero romanista vuole vincere". Quando entri in quello stadio, con quella gente, hai voglia di spaccare il mondo .


Il capo dell'intelligence nazionale e dei servizi di sicurezza sudanese, il generale Salah Abdallah Gosh, ha rassegnato le sue dimissioni. Gosh in passato - stando al New York Times - fornì proprio informazioni alla Cia sull'organizzazione terroristica.

Ora si aspetta di capire quale sarà l'atteggiamento dei nuovi leader, mentre la protesta sta continuando sfidando il coprifuoco indetto dalla giunta miitare e che va dalle 10 di sera alle 4 del mattino. L'ormai ex-leader verrà processato in Sudan. Gli abitanti di Khartoum hanno accolto in massa l'appello dell'Associazione professionale sudanese, uno dei gruppi che ha promosso le proteste contro l'esecutivo, ad unirsi ai manifestanti che partecipano dal week-end scorso al sit-in di protesta davanti alla sede dell'esercito. Tuttavia, la polizia sudanese afferma che i 16 sono morti per i "proiettili vaganti".

Latest News