Pasqua di sangue in Sri Lanka, stragi simultanee in hotel e chiese

Sri Lanka almeno otto attentati contro chiese ed hotel è strage 120 morti e almeno 300 feriti

Pasqua di sangue in Sri Lanka

E' successo la mattina di Pasqua.

Il portavoce della polizia Ruwan Gunasekera ha detto che i feriti sono stati evacuati mentre le forze di sicurezza hanno isolato le aree e sono in corso delle operazioni. Al momento, restano imprecisate le identità e incerti i numeri dei defunti.

Diverse esplosioni hanno colpito stamattina nel giorno di Pasqua chiese e hotel della capitale Colombo e di altre città dello Sri Lanka. Il bilancio, ancora provvisorio, parla di 138 morti e oltre 400 feriti.

Notre-Dame de Paris: un cortocircuito l'ipotesi più probabile del rogo
Macerie all'Interno della cattedrale di Notre-Dame dopo lo spegnimento dell'incendio che ha distrutto il tetto e la guglia. Intanto il presidente Macron ha fatto sapere di aver invitato Papa Francesco , che verrà a Parigi "a tempo debito".


Nel paese dell'Asia meridionale la minoranza cristiana è circa il 7,5% della popolazione. Gli alberghi sarebbero frequentati anche da turisti stranieri. La polizia ha confermato la notizia delle esplosioni, ma per ora non ha diffuso altre informazioni e non sembra che gli attentati siano stati rivendicati.

Una delle chiese colpite dall'esplosione era Sant'Antonio a Colombo. Sono stati sicuramente presi di mira anche lo Shangri-La Hotel e il Kingsbury Hotel a Colombo, entrambi alberghi assai frequentati da turisti europei, americani e asiatici. Almeno sei esplosioni sono state segnalate in chiese e hotel. Le altre due chiese si trovano una a Negombo, città a maggioranza cattolica a nord di Colombo, e l'altra nella città orientale di Batticaloa. Almeno una persona è morta nel Cinnamon Grand Hotel a Colombo, che si trova nei pressi della residenza del primo ministro, secondo quanto riferito da un responsabile della struttura.

Latest News