WhatsApp, scoperto spyware che infetta con una sola chiamata (anche senza risposta)

WhatsApp, scoperto spyware che infetta con una sola chiamata (anche senza risposta)

WhatsApp, scoperto spyware che infetta con una sola chiamata (anche senza risposta)

Aggiorna subito WhatsApp per evitare l'installazione di un pericoloso spyware.

A questo punto cerca l'applicazione WhatsApp e vai nella pagina dedicata.

WhatsApp è stata vittima di un attacco informatico da parte di hacker, che sono riusciti a installare da remoto un software di sorveglianza su vari dispositivi, sfruttando una vulnerabilità della stessa app di messaggistica istantanea, di proprietà di Facebook.

Una falla nel codice del programma avrebbe infatti esposto l'app all'attacco di uno spyware, il quale poteva entrare nel vostro smartphone con una semplice chiamata vocale non risposta (sì, avete capito bene), consentendo agli hacker di tracciare chiamate, messaggi, fotocamera e posizione GPS.

Internazionali BNL d'Italia 2019, Jannik Sinner: "Sapevo di poter battere Johnson"
Però quel tipo di sport non lo soddisfaceva: "Uno sport in cui la prestazione dura meno di due minuti non mi entusiasma". Nel secondo turno troverà il greco Stefanos Tsitsipas , impegnato oggi nella finale di Madrid contro Novak Djokovic .


Chi ha agito non è stato identificato, come si evince dal Financial Times, anche se ci sono già dei sospetti e gli inquirenti si stanno muovendo in un certo senso. Lo ha rivelato la compagnia controllata da Facebook spiegando che il problema è stato scoperto all'inizio di maggio. Lo "spyware" installato nei telefoni "assomiglia" alla tecnologia sviluppata dalla società israeliana di sicurezza informatica NSO Group, portandola in testa alla lista dei sospettati secondo l'azienda.

Una vulnerabilità scoperta su WhatsApp può essere sfruttata per iniettare il pericoloso spyware Pegasus sugli smartphone presi di mira.

Tecnicamente la telefonata insinua nel cellulare che la riceve un malware e il virus è in grado di prendere totalmente il controllo del dispositivo in cui si insinua, non limitandosi, quindi, alla sola chat di WhatsApp.

Questa attacco ha tutte le caratteristiche per essere legato a un'azienda privata che collabora con i governi realizzando spyware in grado di controllare le funzioni dei sistemi operativi degli smartphone. Abbiamo contattato diverse organizzazioni che difendono i diritti umani per condividere le informazioni in nostro possesso e siamo impegnati con loro per metterne al corrente la società civile.

Latest News