E' morto Joao Gilberto, uno dei padri della bossa nova

Joao Gilberto

Joao Gilberto +CLICCA PER INGRANDIRE

E' morto a Rio de Janeiro il musicista brasiliano Joao Gilberto, uno dei padri della bossa nova. Lo ha annunciato il figlio Marcelo Gilberto con un post su Facebook. "La sua lotta è stata nobile, ha cercato di mantenere la dignità alla luce della perdita della propria autonomia", ha scritto Marcelo Gilberto. João Gilberto viveva a Rio da solo e in rovina. Era nato il 10 giugno 1931 a Juazeiro, nello stato di Bahia. Negli ultimi anni il musicista aveva avuto problemi di salute, problemi familiari ed anche economici.

Lutto nel mondo della musica.

Wimbledon, Berrettini vola agli ottavi: incontrerà Federer
Matteo non hai mai nascosto una certa ammirazione verso Roger , di cui era addirittura tifoso qualche anno fa. Chissà che non possa essere lui a prendere in mano le redini del nostro tennis dopo il ritiro di Fognini .


Il suo album del 1964, "Getz / Gilberto", con il sassofonista Stan Getz aveva venduto milioni di copie e aveva reso popolare la bossa nova in tutto il mondo. La sintesi della ricerca artistica di Joao Gilberto arriva nel 1959, con il disco Chega de saudade, del 1959. E che è anche il brano che, in qualche modo, cambia la direzione della bossa nova, almeno a livello di massa: da avanguardia di canzone intellettuale urbana a bacino di standard per il jazz, spesso ridotta musica di sottofondo. Tra i suoi successi la famosissima canzone 'Desafinado'. Insieme a Antônio Carlos Jobim, Vinícius de Moraes e Carlos Lyra creò un genere particolare alla fine degli anni Cinquanta. In un locale pieno di fumo, birra e cachaça, si potevano riconoscere i volti giovanili di Antonio Pecci, in arte Toquinho, di Jobim, João Gilberto, Baden Powell, Leon Hirszman, Pedro De Andrade, la nervosa Odete Lara, lo spettinato Glauber Rocha accanto a Gilberto Gil.

Latest News