Paura per Tinto Brass: ricoverato d'urgenza, è grave in terapia intensiva

Tinto Brass

Tinto Brass

Nato a Milano il 26 marzo 1933 dopo la laurea in giurisprudenza, si è trasferito negli anni '50 a Parigi dove ha lavorato come archivista presso la Cinematheque Française; l'approdo al cinema è come aiuto regista di Alberto Cavalcanti e di Joris Ivens e poi come aiuto del grande Roberto Rossellini per India e Il generale Della Rovere, entrambi del 1959.

Il regista Tinto Brass è ricoverato a Roma, come si apprende da ambienti ospedalieri, in terapia intensiva all'ospedale Sant'Andrea. A dare la notizia del precario stato di salute dell'uomo 86enne è la moglie Caterina Varzi.

Mustier brucia i tempi su Fineco. UniCredit vende il restante 18,3%
Unicredit in un comunicato diffuso nella notte ha annunciato l'ultimo passo per uscire definitivamente da FinecoBank . Il regolamento dell'offerta, precisa una nota, è previsto l'11 luglio 2019.


Caterina Varzi ha spiegato che questo è un periodo molto impegnativo per Tinto Brass. Brass stava lavorando alla realizzazione di una nuova pellicola. La prognosi rimane riservata. "Stanno facendo degli accertamenti, si tratta di un momento delicato e deve stare sotto osservazione". "Fino all'ora di cena tutto bene, poi gli è salita la febbre e alla fine ho dovuto chiamare un'ambulanza perché stava male", ha raccontato la Varzi a Il Corriere della Sera. Nelle prossime ore, se la famiglia lo riterrà necessario, sarà di certo possibile conoscere ulteriori dettagli sulle condizioni di salute di Tinto Brass.

Latest News